rotate-mobile
Lunedì, 23 Maggio 2022
Salute

Ucraina: il racconto, 'in fuga per la vita senza nemmeno uno spazzolino da denti'

Maria ha lasciato il lavoro da infermiera di comunità e assiste i profughi in un campo in Romania


Roma, 9 mar. (Adnkronos Salute)() - Maria R?pciug? ha lasciato per il momento il lavoro come infermiera di comunità. Ora accoglie i profughi ucraini nel centro di nuova costituzione a Darabani, in Romania. Una palestra riconvertita dove arrivano per lo più famiglie con bambini, ma ci sono anche molte persone anziane. Hanno perso la casa e i mezzi di sostentamento, vanno incontro a un futuro incerto e numerosi rischi per la loro salute. Maria si occupa dei controlli sanitari, distribuisce cibi e bevande e forniture di base. "Molti dei rifugiati non hanno nemmeno spazzolini da denti e dentifricio, ma immagino che quando devi scappare da casa e correre per salvarti la vita, uno spazzolino da denti o i calzini siano l'ultima cosa a cui stai pensando", racconta.


"Quando abbiamo persone con problemi di salute, chiamiamo un medico di famiglia locale che si è offerto di aiutarci - spiega Maria, la cui testimonianza è stata raccolta dall'Oms Europa - Ad esempio, qui è arrivata una donna di 73 anni e, dopo averle misurato la pressione sanguigna, ho notato che era molto alta. Ho chiamato subito il medico, mi ha prescritto delle medicine e io sono andata in farmacia a comprarle, usando i fondi delle autorità locali. Abbiamo anche ricevuto donazioni di medicinali dalle farmacie locali".


Anche la comunità locale si è subito mobilitata per offrire cibo e sostegno con alloggi, coperte, pannolini, asciugamani e articoli da toeletta. "Alcune persone arrivano anche con i loro animali domestici - dice Maria - quindi forniamo anche il cibo per cani e gatti. Posso capire perfettamente perché hanno voluto portare con sé i loro animali domestici.


Sfortunatamente, la barriera linguistica è un problema per la maggior parte dello staff del centro profughi. Con un solo interprete, i rifugiati sono costretti a mimare i loro bisogni, mentre il personale spesso si affida a Google Translate. Maria lancia un appello, perché "c'è urgente bisogno di traduttori ucraini e materiale stampato in ucraino con informazioni di base sui diritti dei rifugiati e informazioni sulla salute". Non solo. "Alcuni piangono e ci raccontano di come hanno sentito esplosioni a Kiev, che shock è stato per loro. Li confortiamo il più possibile, tenendoli per mano, abbracciandoli - racconta ancora Maria - Ma hanno bisogno di una sorta di consulenza psicologica nella loro lingua".


La donna è determinata a lavorare al centro per tutto il tempo necessario, nonostante tutto. "Faccio fatica a credere che questa situazione stia effettivamente accadendo. Mi sento molto stanca, fisicamente ed emotivamente. Ieri mi ha fatto piacere che i rifugiati avessero da mangiare, ma quando sono arrivata a casa ho realizzato che non ero andata a fare la spesa per dare da mangiare ai miei figli. Devo prendermi cura anche della mia famiglia", aggiunge commossa.


L'emergenza in Ucraina sta avendo un impatto enorme nei Paesi limitrofi. Il ministro della Difesa rumeno, Vasile Dîncu, ha affermato che la Romania è pronta ad accogliere più di 500.000 rifugiati. E L'Oms sta lavorando fianco a fianco con le autorità rumene per garantire che il sistema sanitario sia in grado di far fronte a un così grande afflusso.


Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ucraina: il racconto, 'in fuga per la vita senza nemmeno uno spazzolino da denti'

Today è in caricamento