rotate-mobile
Domenica, 22 Maggio 2022
Salute

Ucraina: raccolta medicinali, mobilitazione Ordine farmacisti e volontari


Roma, 7 mar. (Adnkronos Salute) - Raccolta di donazioni, catalogazione e stoccaggio di farmaci indispensabili. La Federazione nazionale degli Ordini dei farmacisti (Fofi) e l'Associazione nazionale farmacisti volontari', si mobilitano per far giungere medicinali alle popolazioni dell?Ucraina. Accogliendo la richiesta del Dipartimento nazionale di Protezione civile, è stata infatti avviata una raccolta a favore delle popolazioni colpite dalla guerra, con specifico ed esclusivo riferimento alla lista dei farmaci fornita dalla Commissione Europea.


In particolare, l'Associazione nazionale farmacisti volontari ha subito attivato le proprie sezioni provinciali e regionali nella raccolta fondi per l?invio immediato di questi medicinali, e ieri la prima tranche di farmaci ha raggiunto il polo di Palmanova, in Friuli, da dove partirà per i territori di confine. In contemporanea, il Dipartimento nazionale ha attivato la richiesta di farmacisti volontari per il servizio di coordinamento dello stoccaggio, catalogazione e imballaggio dei medicinali presso il centro di smistamento di Avezzano, in Abruzzo. Già nella giornata di venerdì scorso i farmacisti volontari erano presenti ad Avezzano, e con molta probabilità il servizio sarà attivato per l'intera settimana in corso.


"Questa guerra ci lascia sgomenti ? dichiara la presidente dell?Associazione nazionale farmacisti volontari, Enrica Bianchi ? sentimenti di tristezza e paura avvolgono le nostre giornate, ma come sempre la nostra grande famiglia dei volontari ha risposto con prontezza alle richieste della Protezione Civile. In poche ore abbiamo raccolto i farmaci richiesti e i nostri farmacisti sono al lavoro presso il centro di Avezzano".


Una mobilitazione all?insegna della solidarietà, che ha coinvolto, attraverso l?Ordine professionale, l?intera categoria dei farmacisti: l'Associazione nazionale farmacisti volontari ha infatti istituito un conto corrente dedicato per la raccolta fondi destinati a questa attività, affinché ogni donazione possa essere utilizzata al meglio e in tempi rapidi.


"Fra le numerose azioni che abbiamo intrapreso ? spiega Andrea Mandelli, presidente della Fofi - per tentare di dare una risposta alle tante necessità delle popolazioni colpite dalla guerra, ma anche per convogliare fattivamente il desiderio di moltissimi colleghi di realizzare gesti concreti per queste persone in estrema difficoltà, abbiamo pensato in primis di attenerci alle indicazioni della Commissione europea riguardo ai farmaci più utili e urgenti".


"È nata così l'idea dell'istituzione di un conto corrente dedicato, che grazie all'impegno dell'Associazione nazionale farmacisti volontari, si tradurrà immediatamente nell'invio diretto, attraverso gli snodi logistici di Avezzano e Palmanova, di presidi indispensabili per chi è colpito dalla guerra, per chi fugge dalla propria casa, e si ritrova così sprovvisto anche dei beni indispensabili, quali appunto i medicinali", conclude Mandelli.


Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ucraina: raccolta medicinali, mobilitazione Ordine farmacisti e volontari

Today è in caricamento