Martedì, 26 Ottobre 2021
Salute

'Violenze e torture visibili sui corpi segnati'

La testimonianza di una ginecologa a bordo, 'la situazione è drammatica'


Roma, 29 ago. (AdnKronos Salute) - Sulla 'Mare Jonio', l'imbarcazione della Ong Mediterranea Saving Humans, con 99 naufraghi tra cui 22 bambini, "è emergenza. Chiediamo l'intervento della magistratura perché disponga lo sbarco in un porto sicuro. Auspichiamo inoltre, pur in questo momento cruciale per il Paese, una presa di posizione del neo-incaricato presidente del Consiglio Giuseppe Conte, che testimoni il suo impegno a far sì che situazioni che mettono a rischio la vita e la salute delle persone, e in particolare di quelle più fragili, sul territorio italiano non abbiano più a verificarsi". Lo chiede il presidente della Federazione nazionale degli Ordini dei medici (Fnomceo), Filippo Anelli, in un appello congiunto con il presidente dell'Ordine dei medici di Brescia, Ottavio Di Stefano.


A bordo dalla Mare Jonio c'è infatti anche un medico bresciano, la ginecologa Donatella Albini, che ieri ha visitato tutti i passeggeri e firmato un report che denuncia una situazione sanitaria drammatica. "Stamane ho ricevuto un messaggio dalla nave Mediterranea - spiega Di Stefano - Era di Donatella Albini, ginecologa, nostra iscritta. Bambini, donne incinte, minori non accompagnati aspettano disperatamente di arrivare in un porto sicuro che (per ora?) è precluso. La nostra vita professionale, e non solo, si basa su un principio irrinunciabile, costituzionale e deontologico: dobbiamo curare chi incontriamo per un solo motivo, perché 'sta male'. Donatella certo e lì e li cura, ma dalle sue parole, tra le righe, emerge una sofferta richiesta di aiuto: qui stanno male tutti per quello che hanno passato e stanno passando, indipendentemente dalla nosografia delle malattie che consentano lo sbarco per motivi di salute. Da sempre ci hanno insegnato che dobbiamo curare le donne e gli uomini e non le malattie".


Questo il messaggio di Albini a Di Stefano: "Da 7 giorni sono imbarcata sul rimorchiatore Mare Jonio della piattaforma Mediterranea, come medica di bordo. Ieri abbiamo salvato da morte certa - erano in mare da 48 ore, il motore era bloccato, c'era perdita costante di benzina, il gommone era sovraccarico - poco meno di 100 persone in fuga dalla Libia. Tra loro donne incinte, bambini, tanti bambini, tra cui 5 intorno all'anno e 13 minori soli, tra cui un bambino di 9 anni che da quando è salito dorme e non mangia".


"Molti i racconti di violenze e torture, visibili sui corpi segnati - continua la dottoressa - Delle gravidanze 2, sono a seguito di violenza nelle carceri libiche, tutti e tutte fuggono dai Paesi d'origine, segnati da violenza se non da guerra".


"Il mio posto, da medica e da ginecologa e, ora, qui. Oggi il mare è brutto, si sta male. E' necessario sbarcare - dice la ginecologa - e avere cura di tutti e di tutte con strumenti e in luoghi adatti, ma soprattutto nel rispetto della dignità umana, come ci impone il nostro codice deontologico".


"E' inconcepibile che sul territorio italiano - perché la Mare Jonio batte bandiera italiana in acque internazionali ed è soggetta alla giurisdizione italiana - si debba verificare una situazione di emergenza sanitaria senza che nessuno possa porvi rimedio", conclude Anelli.


Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

'Violenze e torture visibili sui corpi segnati'

Today è in caricamento