Virus Cina, farmaco sperimentale anti-Ebola a primo paziente Usa

Virus Cina, farmaco sperimentale anti-Ebola a primo paziente Usa

Roma, 1 feb. (AdnKronos Salute) - E' stato usato un farmaco sperimentale, un antivirale sviluppato contro Ebola, per il primo paziente americano coninfezione da nuovo coronavirus. Sul caso i medici hanno pubblicato ieri un dettagliato articolo sul 'New England Journal of Medicine', specificando che all'aggravarsi delle condizioni polmonari dell'uomo, ricoverato in isolamento al Providence Regional Medical Center di Everett, hanno deciso di somministrargli il farmaco in uso compassionevole.


Si tratta di un antivirale (remdesivir) messo a punto dall'azienda farmaceutica Gilead per combattere Ebola, che però non si è rivelato efficace come i trattamenti basati su anticorpi monoclonali. Non ha ancora ottenuto l'autorizzazione alla commercializzazione da parte della Fda o altre agenzie del farmaco in altri Paesi. "Per quanto mi risulta è il primo caso in cui questo farmaco viene utilizzato" contro il nuovo coronavirus, ha spiegato Jay Cook, direttore scientifico del Providence Regional Medical Center, secondo quanto riportano i media locali.


L'antivirale è stato somministrato al paziente, che ha espresso il consenso, solo una volta, al settimo giorno di ricovero, senza effetti collaterali. Le sue condizioni sono migliorate, i polmoni risultavano 'puliti' e il giorno dopo i medici hanno smesso la somministrazione dell'ossigeno. Il paziente resta ancora ricoverato, anche se è senza febbre e senza sintomi a parte la tosse.


In Evidenza

I più letti della settimana

  • Coronavirus: Cnn, Usa si preparano a pandemia di 18 mesi

  • Coronavirus: Galli, 'un agghiacciante unico caso dalla Germania ci ha infettato'

  • Coronavirus: da asfalto a vitamina C tutte le fake smentite dagli esperti

  • L’esperto: "Smart working non replica ufficio con lavoratori remoti"

  • Coronavirus: studio su Cina, con stop misure a marzo nuovo picco ad agosto

Torna su
Today è in caricamento