rotate-mobile
Lunedì, 6 Dicembre 2021
Partner

Aziende sostenibili per la salvaguardia del Pianeta

Progettare e produrre nel rispetto dell’ambiente

Negli ultimi tempi, insieme a temi come quelli della sostenibilità ambientale, delle energie rinnovabili, si parla anche di economia circolare: cioè un tipo di economia che può rigenerarsi da sola. Tutto ciò nasce dal fatto che bisogna prendere consapevolezza di come le risorse naturali non sono infinite: per questo motivo è importante far sì che la vita dei prodotti sia ben più lunga di quella che in media hanno attualmente.

Il modello attuale è messo in discussione: produrre e consumare, e quindi generare rifiuti non è più conveniente nemmeno dal punto di vista economico. Si tratta quindi di ripensare il processo produttivo, dove le materie prime possano essere recuperate e riutilizzate: la filiera che si occupa di questo passaggio reintroduce il prodotto nel ciclo economico, generando ulteriore valore.

Per questo motivo si parla sempre più di Ecodesign, un nuovo modello che rivoluziona l’intero processo di vita di un prodotto: dall’ideazione alla progettazione, sino alla vendita e allo smaltimento. Per esempio, affinché possa rientrare nella categoria Ecodesign un prodotto deve sottostare ad alcuni criteri, come il fatto che più del 20% del peso deve essere composto da materiale riciclato e che ci debba essere traccia di piombo e di Pvc. Il cambiamento dei processi produttivi – come dimostrato in questo caso – permetterebbe di abbassare notevolmente l’impatto ambientale, allungando il ciclo di vita dei prodotti.

L’impegno delle aziende per la sostenibilità

La sensibilità verso le questioni ambientali oggi include sempre di più le aziende. È il caso di Decathlon, ideatore, produttore e distributore di articoli sportivi attivo in 60 Paesi e con 130 negozi in Italia, sempre più impegnata a contribuire per uno sviluppo sostenibile e la salvaguardia del Pianeta. In che modo? Decathlon misura l’impatto ambientale di tutti i suoi prodotti affinché rientrino nei criteri dell’Ecodesign, impegnandosi allo stesso tempo nel mantenere alta la qualità e a fornire un prezzo concorrenziale per gli amanti dello sport.

Il progetto è quello di ottenere da fonti rinnovabili il 100% del cotone e del poliestere e che entro il 2026 ogni nuovo prodotto sia eco-ideato. Ma l’iniziativa riguarda già prodotti in commercio, nell’utilizzo, per esempio, di piombi modulari in Zamak per evitare dispersioni nella natura e in mare; o la spazzola Fouganza composta per l’80% di plastica riciclata; il brand di sport acquatici Olaian che ha ideato un infradito composta per il 70% di materiali riciclati.

Il World Cleanup Day per promuovere l’impegno quotidiano

A sancire l’impegno di Decathlon nei confronti dell’ambiente non sono soltanto i prodotti eco-ideati, ma anche eventi attraverso i quali si espone in primo piano per far riflettere sul valore della sostenibilità nella vita di tutti i giorni. Tra questi, il World Cleanup Day il 18 settembre, un’iniziativa a livello globale che ha come obiettivo quello di sensibilizzare sul problema dell’inquinamento prodotto dai rifiuti solidi: in questa giornata tutti gli store Decathlon Puglia hanno partecipato all’iniziativa, riuniti insieme all’organizzazione 2hands, a Leroy Merlin, alla comunità Phoenix (rivolta ai minori) e a tante associazioni sportive.

Secondo Emmanuel Caternolo, Area Leader di Decathlon Puglia, queste iniziative servono a “fare rete, sensibilizzare, coinvolgere il maggior numero di persone possibile e ad agire, anziché lamentarsi e basta”. Il World Cleanup Day è anche l’occasione per ripulire aeree e spazi del nostro Paese: “Di quella giornata restano per noi nel cuore gli sguardi e le parole di quelle persone che hanno detto grazie a chi in prima persona ha dedicato ore della propria giornata a ripulire i tratti di costa o campagna che ama, ma ancor di più i gesti di chi ha chiesto ‘datemi un sacco e dei guanti, io sto con voi’”.

Sensibilizzare, nei fatti, significa rendere qualcuno più consapevole di un problema e renderlo partecipe delle soluzioni: “Rimane nel cuore la semplicità con cui i bambini capiscono che il posto dei rifiuti non è in mezzo alla natura, ma negli appositi sacchi. Rimangono nel cuore i tanti sorrisi di chi sa che sta facendo qualcosa di buono per sé e per gli altri e lo sta facendo con persone che neanche conosce, ma con cui condivide valori e visione del mondo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aziende sostenibili per la salvaguardia del Pianeta

Today è in caricamento