Domenica, 17 Ottobre 2021
Partner

È ora di cambiare aria: Regione Lombardia sperimenta soluzioni per tutti gli automobilisti

Nuova formula per chi ha bisogno di circolare senza obblighi e restrizioni anche con Euro 0 benzina o Euro 0,1,2,3 diesel

Finalmente una ventata d’aria fresca in Lombardia.

Con le nuove misure anti-inquinamento a difesa della qualità dell’aria, la Regione ha cambiato decisamente marcia a suon di incentivi e agevolazioni. Meritevoli dei fondi stanziati per il 2019-2020 sono gli automobilisti (privati e aziende) che decideranno di cambiare auto, rottamando i vecchi veicoli inquinanti (Euro 0 benzina o Euro 0, 1, 2, 3 diesel) e sostituendoli con mezzi a basso impatto ambientale. Un contributo a fondo perduto che farà sicuramente comodo di questi tempi e che si aggiungerà all’applicazione, da parte dei venditori, di uno sconto di almeno il 12% sul prezzo di listino del modello base, alla riduzione del 50% del bollo auto per cinque anni per veicoli ibridi, e alla totale esenzione per quelli a idrogeno.

Già, ma non dimentichiamo qualcuno? Cosa faranno tutti quelli che un’auto nuova non se la possono permettere? Rimarranno esiliati ai confini delle zone regionali con limitazioni al traffico, chiusi nelle loro vecchie Euro 0, 1, 2, 3? Beh, ovviamente non è così.

La buona notizia è che Regione Lombardia ha pensato anche a loro, introducendo il servizio Move-In (MOnitoraggio dei VEicoli Inquinanti), un progetto sperimentale atto a promuovere modalità innovative per il controllo delle emissioni degli autoveicoli più inquinanti nelle zone regionali soggette a blocco del traffico.

In cosa consiste? Presto detto: gli automobilisti, proprietari di veicoli Euro 0 benzina o Euro 0, 1, 2, 3 diesel, potranno richiedere una deroga chilometrica ai blocchi regionali vigenti. Una scatola nera installata sul veicolo consentirà, infatti, di rilevare le reali percorrenze e lo stile di guida adottato dall’automobilista in tali zone attraverso un collegamento satellitare e una tecnologia dedicata. In tal modo la deroga alle limitazioni sarà estesa a tutti i giorni della settimana H24, dando la possibilità, di fatto, di circolare sempre ma rispettando una soglia chilometrica massima, mentre in assenza di Move-In si rimarrà ancorati alla sola fascia notturna (19.30-07.30), al weekend e ai festivi. Niente più blocchi orari e giornalieri, quindi, ma un monitoraggio del conteggio totale dei chilometri percorsi, che dovrà però rientrare in un tetto massimo di km/anno stabiliti a priori sulla base della tipologia e della classe ambientale del veicolo inquinante. Per i più diligenti alla guida, fautori della cosiddetta ecoguida, è previsto anche un sistema premiante che servirà a poter aggiungere chilometri di percorrenza a quelli stabiliti a priori.

Attenzione, però, la deroga ottenibile con Move-In è concessa solo per le limitazioni stradali disposte da provvedimenti regionali, mentre rimangono inalterati i blocchi stabiliti dai singoli Comuni lombardi, non consentendo quindi in ogni caso l’accesso in determinate zone in città, come ad esempio ZTL, Area B o C. Quindi, fondamentale è informarsi bene a riguardo.

RegioneLombardia_800x600-2

Per aderire al progetto Move-In, bastano pochi semplici accorgimenti. Innanzitutto, è necessario conoscere bene l’iniziativa tramite il sito dedicato, per controllare tipologia dei veicoli interessati e zone geografiche del territorio lombardo in cui la deroga sarà attiva. In secondo luogo, è opportuno informarsi in anticipo sulle condizioni contrattuali e di servizio previste dai vari TSP (Telematics Service Providers), ossia i fornitori selezionati e abilitati alla gestione delle varie procedure legate all’installazione della scatola nera sul veicolo, alla raccolta ed elaborazione dei dati di guida e di percorrenza chilometrica e alla corretta trasmissione dei dati a Regione Lombardia. Scegliere un TPS, tra quelli ad oggi accreditati (Air S.r.l, LoJack Italia S.r.l, Viasat S.p.a), stipulando con esso un contratto di servizio, è infatti un passo necessario per poter aderire all’iniziativa Move-In. A questo punto basterà accedere nell’apposita sezione del portale dedicato di Regione Lombardia con un accesso SPID o con la CNS (Carta Nazionale dei Servizi) e il relativo lettore di smart card, per avviare la procedura di inserimento di pochi dati anagrafici e dei dati del veicolo.

Una volta aderito a Move-In si potranno poi controllare le proprie percorrenze giornaliere o settimanali, i parziali sui chilometri percorsi e su quelli residui, così come i chilometri bonus guadagnati grazie ai parametri di ecoguida, o notifiche relative ad altre informazioni utili, il tutto tramite la mobile app Move-In o la web app Move-In.

Insomma, Regione Lombardia grazie a incentivi e agevolazioni e alla nuova formula Move-In ha pensato proprio a tutti, ai nuovi proprietari di veicoli ecosostenibili, ai proprietari di vecchie vetture inquinanti, ma soprattutto ha pensato all’ambiente e all’aria che ciascuno di noi respira quotidianamente, portando letteralmente una ventata d’aria nuova e pulita sul territorio.

Gallery

In Evidenza

Potrebbe interessarti

È ora di cambiare aria: Regione Lombardia sperimenta soluzioni per tutti gli automobilisti

Today è in caricamento