Lunedì, 26 Luglio 2021
Partner

La crisi del lavoro risparmia, per ovvi motivi, il settore sanitario

Con l’arrivo della pandemia di Covid-19, moltissimi settori hanno subito un calo lavorativo. Si distingue l’ambito sanitario in cui, invece, si continuano a cercare, ed assumere, infermieri

Il panorama attuale è caratterizzato dalla grave crisi lavorativa che coinvolge numerosi professionisti.
La situazione lavorativa italiana, che già in precedenza non era particolarmente dinamica, con l’arrivo della pandemia ha subito un vero e proprio tracollo.
Sono moltissimi, infatti, i lavoratori che, da un giorno all’altro, sono stati costretti a dover sospendere, o interrompere, la propria mansione abituale, a causa delle difficoltà di natura sanitaria.
Ecco che, quindi, sempre più individui sono sprofondati in situazioni tutt’altro che idilliache, dovendo trovare una soluzione alternativa.
Purtroppo, in questo periodo, non è affatto semplice trovare un nuovo impiego, data la carenza di aziende attive nella ricerca di personale e disponibili a nuove assunzioni (la crisi ha colpito tutti, non solo i dipendenti); tutto il contesto contribuisce ad inasprire la condizione attuale.
Fortunatamente, però, questa situazione non riguarda la totalità dei casi.

Eccellenza sanitaria a Piacenza

Esistono ancora realtà che proseguono la propria attività, implementando il proprio organico.
Il settore sanitario, ad esempio, non è stato penalizzato dalla pandemia, anzi; per motivi più che evidenti, ha avuto la necessità di effettuare nuove assunzioni.

È così anche per la Casa di Cura di Piacenza, che è alla ricerca di infermieri.
Il Gruppo è costituito dalla Casa di Cura di Piacenza Spa e dalla Casa di Cura Sant’Antonino Srl, che fanno capo al gruppo del professor Mario Sanna.
Le due strutture, situate in centro a Piacenza, operano sul territorio da oltre 50 anni, impiegando oltre 500 collaboratori.
Accreditate entrambe con il Servizio Sanitario Nazionale, rappresentano il centro diagnostico più importante della provincia di Piacenza.

I servizi offerti sono numerosi e consentono di accogliere diversi tipi di pazienti: giunti da reparti d’urgenza, dal Pronto Soccorso, nonché coloro che necessitano di lungodegenze. 
Le strutture dispongono, infatti, di 200 posti letto, 6 sale operatorie e di un reparto chirurgico completo di terapia sub-intensiva.
Inoltre, la relativa Unità Operativa di otorinolaringoiatria è riconosciuta come il più importante centro europeo per la cura delle patologie dell'orecchio.

Le Case di Cura di Piacenza e Sant’Antonino, grazie alle proprie risorse tecnologiche e ai professionisti che vi lavorano, sono in grado di rispondere a tutte le necessità dell’utente.

Dati gli elevati standard qualitativi che le Case di Cura si propongono di mantenere, desiderano avere a disposizione tutto il personale necessario, così da per poter soddisfare al meglio le esigenze dei pazienti.

Opportunità per infermieri

Gli infermieri cercati per ampliamento dell’organico sono sia con che senza esperienza e l'inquadramento offerto è a tempo indeterminato (non si tratta di sostituzioni).
Le assunzioni saranno effettuate in maniera diretta, senza passare da intermediari.

Sia grazie all’ambiente di lavoro stimolante e multidisciplinare, che ai percorsi di formazione interna, gli infermieri potranno acquisire competenze specifiche del ruolo, spendibili immediatamente nella struttura stessa.

Alle occasioni di crescita professionale, si affiancano politiche di gratificazione economica; le Case di Cura, infatti, hanno predisposto un sistema di incentivazione, che prevede il conferimento di un premio mensile, di circa € 460,00 lordi, assegnato per tredici mensilità.
Si tratta di un premio  a carattere perpetuo e non revocabile, che si va ad aggiungere alla retribuzione ordinaria: in questo modo, la retribuzione mensile di circa € 1900- 2000 netti mensili.
Inoltre, il CCNL AIOP Sanità privata, recentemente rinnovato, prevede un premio presenze una tantum annuale sulla retribuzione di luglio di € 585,00 lordi.

A tutto questo, si aggiungono le iniziative di welfare aziendali: ad esempio, scontistica sulle prestazioni sanitarie per sé e la propria famiglia, convenzioni con esercizi commerciali del territorio e altro.

Per ricevere maggiori informazioni in merito all’offerta di lavoro e all’invio della propria candidatura, è possibile chiamare il numero 0523/711340, chiedendo o della Dott.ssa Nawal Loubadi (Direzione assistenziale) o del Dott. Antonello La Brocca (Direzione del personale).
È anche possibile inviare una mail all’indirizzo ricercapersonale@casadicura.pc.it.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La crisi del lavoro risparmia, per ovvi motivi, il settore sanitario

Today è in caricamento