Lunedì, 19 Aprile 2021

La formazione prende il largo: a Genova si studia il mare

Come orientarsi in un oceano di corsi e facoltà triennali e magistrali

Ci sono momenti nella vita in cui bisogna fare delle scelte. Scelte decisive e importanti, come quelle relative al proprio futuro. Le prime vanno fatte appena superata la maggior età, una volta usciti dalle scuole superiori, per decidere quale corso di studi ci accompagnerà per i tre o i cinque anni successivi.

La scelta della facoltà di laurea triennale, e in seguito, specialistica, è infatti decisiva, perché prendere la direzione sbagliata in qualunque momento del proprio percorso di studi può significare magari perdere un anno a studiare per poi abbandonare il corso oppure finire a fatica studi che poco si allineano con le nostre corde e reali ambizioni. In questo modo avremo avvocati, medici, architetti, psicologi che un bel giorno, troppo tardi, si rendono conto che quella non era la loro strada. Eppure esistono anche percorsi di studio avanzati che esulano da queste facoltà più classiche e oggi decisamente inflazionate. Sono corsi, forse meno conosciuti o a cui difficilmente si pensa, ma che aprono orizzonti lavorativi decisamente più affascinanti.

All’Università di Genova, per esempio, si studia il mare. Già perché, a ben guardare, di discipline collegate al Grande Blu ce ne sono un oceano e una regione come la Liguria, la capitale del mare, ha ovviamente pensato di valorizzare questo elemento che tanto la caratterizza e che dà lavoro, in un modo o nell’altro a un’alta percentuale della popolazione. Proporre corsi di studi avanzati e aperti a tutti, triennali, magistrali e di dottorato, che trattino la materia in tutte le sue declinazioni è una naturale conseguenza dell’importanza data al territorio e al mare liguri.

Non per niente l’Università di Genova e anche definita “Università del Mare”, dove la presenza del Centro del Mare fa la differenza rispetto a università simili presenti in tutta Europa. È qui infatti che sono riunite discipline che, nel mare, trovano il proprio campo d’indagine e che formano competenze fortemente specialistiche e multidisciplinari. Ricerca e didattica di alto livello, dunque, grazie a più di 400 docenti e ricercatori che, con le loro attività, posizionano la UniGe tra le 10 migliori università al mondo nel settore della ricerca marittima, e ne fanno un punto di riferimento internazionale anche nel trasferimento tecnologico sul mare.

L’offerta didattica sulle discipline marittime prevede 5 corsi di laurea triennale, 8 corsi di laurea magistrale (aperti a tutti) e 1 di dottorato, ma scienze e tecnologie del mare sono oggetto di diversi insegnamenti in altri corsi di studio, raggiungendo oltre 200 insegnamenti che coprono tutti gli ambiti scientifici e che vanno a costituire la più ricca offerta formativa dedicata in Italia. Qui una panoramica delle proposte formative:

Lauree triennali:

  • Design del prodotto e della nautica
  • Economia delle aziende marittime, della logistica e dei trasporti
  • Ingegneria nautica
  • Ingegneria navale
  • Maritime science & technology

Lauree magistrali:

  • Biologia ed ecologia marina
  • Design navale e nautico
  • Economia e management marittimo e portuale
  • Enviromental engineering
  • Hydrography & oceanography
  • Ingegneria navale
  • Safety engineering for transport, logistic and production
  • Yacht design

Dottorato:

Il dottorato in Scienze e tecnologie del mare, articolato in 6 curriculum che coinvolgono diverse aree scientifiche a forte integrazione con le specificità naturali e produttive del territorio, prevede attività didattiche sulle tematiche della “Blue Growth Strategy”, con particolare attenzione allo sviluppo sostenibile. Con i suoi 23 posti è il corso di dottorato dedicato al mare più grande in Italia.

A questi corsi si aggiungono poi decine e decine di altri insegnamenti, tra i quali:

  • Biologia ed ecologia marina
  • Infrastrutture costiere e off-shore
  • Mezzi marini, robotica e subacquea
  • Turismo e crociere
  • Storia e cultura del mare
  • Sport del mare
  • Diritto del mare e della navigazione
  • Risorse energetiche dal mare
  • Sistemi di trasporto marittimo, logistica ed economia portuale
  • Ambiente marino e coste

Un vero e proprio tsunami di corsi, dunque, in cui, senza la giusta guida, si può facilmente perdere la bussola. Ma l’Università del mare ha pensato anche a questo, mettendo a disposizione un efficiente InfoPoint, sito presso il Palazzo Università in via Balbi 5 a Genova, aperto fino al 30 settembre, da lunedì a venerdì dalle 10 alle 14. Qui i nuovi studenti, sia italiani che stranieri, e tutti gli interessati provenienti anche da altre facoltà triennali, potranno trovare chi li aiuterà nella difficile traversata verso la scelta più adatta alle proprie aspirazioni e passioni. L’InfoPoint è un luogo di accoglienza e orientamento, dove potersi informare sui corsi, sui percorsi di studio e ricerca, sulle procedure di preimmatricolazione, su tasse e agevolazioni e dove poter ottenere tutto il materiale informativo desiderato.

A chi invece vuole tutto e subito, non resta che navigare, ovviamente. Il sito web dell’UniGe dà una panoramica completa dei corsi e di tutti gli insegnamenti proposti, così come ogni informazione burocratica e amministrativa necessaria per le immatricolazioni.

E allora, fate rotta verso il futuro! Con l’Università di Genova la formazione prende il largo.

Continua a leggere su Today.it

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La formazione prende il largo: a Genova si studia il mare

Today è in caricamento