Domenica, 18 Aprile 2021

My name is… è da qui che parte l’integrazione

Ascoltare, parlare, comprendere, interagire: pensi di saperlo fare? In inglese, intendo!

Per conoscere veramente qualcuno a volte basta una stretta di mano, uno sguardo d’intesa, un semplice sorriso, ma più spesso il contatto con l’altro avviene nel più classico dei modi: con le presentazioni. Dire il proprio nome è il primo passo per entrare in connessione con altri individui.

In tutte le culture del mondo lo s’impara fin da piccoli, perché l’identificazione è la prima chiave per l’interazione sociale e, di conseguenza, per l’integrazione. Che sia il primo giorno di scuola o un’esperienza lavorativa nuova in un Paese straniero, che ci si trovi in vacanza a parlare con sconosciuti o con nuovi compagni di squadra, basta girare la chiave ed è fatta: “Il mio nome è...”.

Ma il mondo è grande e l’italiano non basta. L’inglese è senz’altro la lingua più parlata nei più diversi contesti di interazione a livello globale: dalle riunioni delle Nazioni Unite fino al più sperduto dei bazar tunisini, se parliamo inglese tutti ci capiranno. E allora sarebbe un vero peccato precludersi la possibilità di spalancare davanti a sé le porte del mondo solo perché non si conosce la lingua.

Ebbene, come iniziare ve lo dico io. In inglese servono tre semplici parole: “My name is...”. Già, anche meno che in italiano. Dal momento in cui pronuncerete il vostro nome la porta si aprirà e il mondo sarà vostro. Perché è da qui che seguirà tutto il resto: l’ascolto e la comprensione, la lettura e la scrittura, l’interazione e l’integrazione. Il tutto in una lingua che non sarà la vostra, ma che è la lingua del mondo intero, la lingua di tutti.

Iniziare è facile, è vero, ma per imparare una lingua in tutte le sue sfaccettature bisogna percorrere una strada fatta di studio, di applicazione e, perché no, a volte anche di predisposizione naturale. Se il vostro nome aprirà le porte del mondo, la formazione sarà colei che vi spianerà il resto della strada, il che significa applicare ciò che si impara al mondo del lavoro, alla vita, alle passioni.

British Council, l’ente ufficiale britannico per la promozione delle relazioni culturali e delle opportunità educative in Italia e nel mondo, rende il processo di apprendimento dell’inglese più facile per tutti, a partire dai corsi per bambini fino ai livelli di perfezionamento della lingua più avanzati, anche a fini professionali e con il raggiungimento di certificazioni riconosciute a livello internazionale, come IELTS, Cambridge English e Aptis. In Italia, le sedi di Milano, Roma e Napoli si avvalgono della collaborazione di insegnanti madrelingua esperti e qualificati, in grado di comprendere bisogni e aspirazioni degli studenti, così da rendere ogni lezione un’esperienza coinvolgente, divertente ed efficace.

British Council ti aiuta a realizzare il tuo sogno di lavorare all’estero, quello di parlare agevolmente con chiunque tu voglia nel mondo, quello di integrarti ovunque e di aiutare a far sì che altri si integrino e si rapportino con te più facilmente. Se il tuo sogno è ascoltare, parlare, leggere, scrivere, comprendere e interagire in inglese, allora visita il sito di British Council, scoprine di più e non esitare a fare domande.

Il futuro, come il mondo intero, è là fuori che ti aspetta e la lingua inglese è la chiave per accedervi liberamente. Impararla e usarla è il minimo. Sognare in inglese, invece, è il massimo.

Continua a leggere su Today.it

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

My name is… è da qui che parte l’integrazione

Today è in caricamento