Martedì, 26 Ottobre 2021
Partner

Parlare un inglese fluente? Yes, you can!

Come parlare correttamente inglese senza cadere nella trappola del famigerato “Italian English”

Si dice che sia piuttosto facile riconoscere gli italiani all’estero: di norma indossano gli occhiali da sole, si vestono in modo curato, gesticolano molto e ...si esprimono male in inglese.

Ahimè, questa etichetta denota il cittadino italiano che, nonostante gli studi scolastici, spesso dimostra di non padroneggiare affatto la lingua di Albione.
Utilizza, più spesso, uno strano ibrido che ha assunto il nome di “Italian English”.

Quali sono gli errori più comuni? Ecco la classifica dei 3 maggiormente commessi. 
Per comprenderli meglio, abbiamo il supporto di un insegnante d’eccezione, il comico Andrea di Marco.

Are you ready?

1 – Porre una domanda (prima parte).

Non perdiamo tempo! Anziché utilizzare la canonica forma interrogativa inglese, in “Italian English” si riassume il tutto con un “oh!”, accompagnato dal gesto della mano con i polpastrelli uniti e ritmico avanti e indietro del polso; il gesto svolge la funzione di punto di domanda. Ecco l’ottima spiegazione del nostro insegnante.

2 – Porre una domanda (seconda parte).

In “Italian English” l’ausiliare non serve! È sufficiente iniziare la frase con “But...” aggiungere ciò che si vuole domandare e aggiungere il sopracitato punto di domanda (gesto della mano). Per chiarire, molto meglio affidarsi al video di Andrea Di Marco.

3 – Last but not least: non capire una frase.

Come spiegato sopra, in “Italian English” non si perde tempo! Dunque, in caso di mancata comprensione, il tutto si risolve con un “Eh? No understand”, sempre accompagnato da uno specifico movimento della mano. Non è semplice da spiegare...per fortuna abbiamo un valido aiuto!

Guarda la videolezione:

Questa situazione presenta due aspetti: da una parte è buffa, anche divertente, dall’altra è amara.

Quante difficoltà bisogna affrontare se non ci si esprime correttamente in inglese?

Imbarazzo durante viaggi all’estero, fatica a chiedere ciò di cui si necessita o indicazioni.

E quante occasioni lavorative si sono perse a causa di questa mancanza?

Se anche tu vuoi smettere di utilizzare l’“Italian English”, c’è una buona notizia: puoi parlare inglese in modo comprensibile, con sicurezza e scioltezza, affidandoti a Shenker

È da ben 60 anni che, grazie al metodo utilizzato da questa scuola, si apprende l’inglese in tempi fino a 5 volte più rapidi rispetto ai metodi tradizionali basati sulla grammatica.

I corsi Shenker sono cuciti addosso allo studente, partendo dall’analisi del suo livello di conoscenza della lingua; in seguito, si studia un piano di studio personalizzato e guidato, secondo una metodologia scientifica, unica, brevettata e collaudata, ideata appositamente per gli italiani e applicata da insegnanti madrelingua appositamente formati e costantemente aggiornati.

Così, in poco tempo, lo studente può affrontare situazioni specifiche e reali, fino ad arrivare al raggiungimento dei propri obiettivi.

Il Metodo Shenker è quindi basato su una formula brevettata, orientata alla comunicazione, allineata ai criteri previsti dal CEFR, attenta alla pronuncia, veloce e affidabile, flessibile e personalizzata, costruita sulle esigenze individuali e che si avvale di un corpo docente esclusivamente madrelingua.

Non parlare “Italian English”, affidati a Shenker a Roma, Milano e in tutta Italia!

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Parlare un inglese fluente? Yes, you can!

Today è in caricamento