Venerdì, 26 Febbraio 2021

Sai chi ha già pianificato le prossime vacanze nel Mediterraneo? Tante, tante meduse

Continua la proliferazione delle fastidiose bestie gelatinose. E secondo gli esperti, dovremo abituarci all’idea di qualche incontro ravvicinato. A meno che…

C'è ancora chi ha dubbi sull'innalzamento delle temperature del nostro pianeta. Ma le meduse grosse incertezze non ne hanno. L'acqua è sempre più calda e sempre più specie, anche tropicali, arrivano sulle nostre coste.

Le specie tropicali con più potere urticante in media raggiungono il sud italia, ma in tutta la costa gli avvistamenti sono più che decuplicati.

È stato recentemente scoperto che anche il crescente traffico marittimo attraverso i passaggi che collegano il mediterraneo all'oceano, come il canale di Suez, trascinano con sè specie normalmente non presenti.

Di certo c'è solo un dato: le meduse sono in costante aumento.

Aumentano di numero, e aumenta di conseguenza la possibilità di un incontro ravvicinato.

Cosa si può fare?

Ci sono molti miti in merito. E come spesso capita, sono piuttosto scorretti.

Se venite toccati da una medusa non fateci mai la pipì sopra ne usate l’ammoniaca, l’aceto e il limone. In ogni caso non toccate occhi e bocca e non strofinate la parte interessata con acqua dolce, perché potrebbe favorire la produzione di neurotossine. Evitate anche l’applicazione di acqua, ghiaccio o alcol e il grattare o strofinare la parte irritata poiché si favorisce la circolazione della sostanza tossica.

Parziali conferme sul da farsi ci sono sull'impiegare bicarbonato, o aloe. Spesso però non si ha a disposizione una pianta di aloe mentre si è in vacanza.

Quindi è decisamente meglio prevenire. Ma come? Mica si può rinunciare a farsi il bagno!

87966417_ML800x600-2

Un aiuto inaspettato viene dal pesce pagliaccio. Ricordate il pesce con problemi a una pinna del famoso film d'animazione?

Ecco, proprio quello. È un pesce che vive tra gli anemoni, cugini delle meduse, senza mai venir punto. È stata una ricerca effettuata presso l’università di Stanford, negli Stati Uniti, a permettere la scoperta della sostanza che permette al pesce pagliaccio di difendersi dal loro veleno: tale sostanza estratta e concentrata, diventa un utile rimedio contro le meduse.

In farmacia è già disponibile un prodotto che sfrutta gli stessi meccanismi del pesce pagliaccio.

Respingo Jellyfish è un’emulsione con effetto filmante in grado di formare una sorta di barriera a livello cutaneo. L’effetto filmante è ottenuto grazie ad una particolare combinazione di attivi che evitano l’effetto urticante al contatto con la medusa.

Passa in farmacia e togliti il pensiero meduse, prevenire è sempre meglio che curare.

Per saperne di più visita il sito.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sai chi ha già pianificato le prossime vacanze nel Mediterraneo? Tante, tante meduse

Today è in caricamento