rotate-mobile
Mercoledì, 8 Dicembre 2021
Partner

Alla scoperta di Padova, tra Patrimonio Unesco e tour enogastronomici

Nella città il mercato coperto più antico d’Europa

Cibo e cultura costituiscono un binomio che, specialmente in un Paese come l’Italia, funziona alla perfezione in ottica turistica, ma non solo. Possiamo senz’altro parlare di enogastronomia in termini di esperienza culturale per delineare uno dei motivi per cui molte persone – sia all’interno degli stessi confini nazionali, sia dall’estero – vanno alla scoperta di nuovi luoghi: prodotti e piatti tipici, vini locali, aziende storiche e all’avanguardia segnano profondamente l’immaginario dell’Italia come meta turistica. D’altronde non è un caso se il 71% degli stranieri intraprende un viaggio per vivere nuove esperienze enogastronomiche.

Tra queste mete rientra il Veneto e in particolare Padova, da poco entrata per la seconda volta nella sua storia nella lista dell’Unesco per i “cicli di affreschi del XIV secolo” – la prima volta fu nel 1997 con l’Orto Botanico – grazie soprattutto alla firma di Giotto nella maestosa Cappella degli Scrovegni. 

Un centro commerciale naturale tra cibo e storia

Oltre ai tanti siti prestigiosi, dalla Chiesa di Sant’Antonio, il nume tutelare di Padova, con i capolavori di Donatello, la chiesa degli Eremitani, con gli affreschi del Mantegna, l’Osservatorio astronomico – Specola – il Museo di Storia della Medicina, le piazze – Piazza delle Erbe, Piazza dei Signori – la città offre ai visitatori la possibilità di passeggiare per il mercato coperto più antico d’EuropaSotto il Salone.

Questo luogo rappresenta una sorta di centro commerciale ‘naturale’ di Padova, dove il passante può scoprire non solo l’eccellenza culinaria della città, ma sentire anche i rumori della storia. La sua sede, il Palazzo della Ragione, noto appunto come il “Salone” è stato istituito più 800 anni fa, e originariamente era il luogo dei tribunali, ma anche del commercio (tra le due, la vocazione che ha mantenuto nel tempo).

Eretto nel 1218 e sopraelevato nel 1306, qui cibo e cultura convivono, si affiancano, in uno dei luoghi simboli che divide le due più grandi piazze di Padova: Piazza delle Erbe, un altro dei luoghi storici di Padova, da cui ammirare Palazzo Podestà, Palazzo delle Debite e lo stesso Palazzo della Ragione; e Piazza della Frutta

Botteghe, street food e tour enogastronomici

Nel mercato hanno sede molti negozi, bar, enoteche e tante proposte di street food: come ogni mercato che si rispetti, Sotto il Salone è un luogo di ritrovo per locali e turisti. Formaggi, salumi, carni, pesce, vino per oltre 50 botteghe: la visita è obbligata per chi non conosce Padova, anche solo per lo spirito che si è preservato, simbolo di una città viva che non rinnega le tradizioni. 

Non manca, ovviamente la possibilità di fare spuntini e di pranzare. A questo proposito è possibile effettuare mini-tour enogastronomici all’interno dei vari negozi, i quali comprendono 3 o 4 degustazioni di vino e cibo, per sperimentare e conoscere il miglior cibo locale: i negozianti sapranno raccontarne storia e peculiarità. Sin dal Medioevo, d’altronde, il mercato Sotto il Salone ha saputo raccogliere il meglio delle campagne circostanti, diventando il punto di riferimento per i mercanti e per i suoi cittadini.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Alla scoperta di Padova, tra Patrimonio Unesco e tour enogastronomici

Today è in caricamento