Martedì, 3 Agosto 2021
Partner

Alla scoperta del Veneto tra paesaggi, cultura e itinerari enogastronomici

Il 2021 è l’anno giusto per viaggiare all'aria aperta

Reduce dalla pandemia e da un’emergenza sanitaria di oltre un anno e mezzo il settore del turismo è pronto a ripartire. A cambiare è soprattutto la sensibilità e i bisogni delle persone: secondo un’indagine recente dedicata allo studio dei principali fenomeni di natura sociale ed economica, sia nazionale che locale, il turismo si fa sempre più ‘lento’ e traspare la voglia di godere della natura e di stare il più possibile all’aria aperta. 

Quanto emerge indica inoltre un’altra preferenza: per l’estate del 2021, ormai già alle porte, si punta su un’offerta più a misura d’uomo, legata alle peculiarità del territorio tra culturapatrimonio artisticopaesaggi naturali e itinerari enogastronomici.

Contatto con la natura e benessere psico-fisico

I motivi che spingono i vacanzieri a scegliere una soluzione all’aria aperta sono diversi, ma a risaltare è sicuramente la voglia di qualcosa di nuovo, di una vacanza diversa e lontana dalle solite mete turistiche, adatta sia per chi parte con la famiglia, sia per chi decide di affrontare un viaggio in solitaria.

La pratica del turismo outdoor permette alle persone di staccare completamente da una vita di stress e di pressioni legate alla quotidianità. Tra i benefici principali delle vacanze a contatto con la natura come lunghe passeggiate, trekking e ciclopedalate, vi è l’aumento del benessere psico-fisico e la possibilità di scoprire e visitare luoghi a ritmo lento.

Questo vale sia per le destinazioni di mare quanto per quelle di montagna, con la possibilità di percorrere numerosi sentieri e fare escursioni in grado di rispondere alle esigenze di ciascuno. Quello che conta è vivere un’esperienza unica: con l’open air i turisti cercano una vacanza autentica, arricchente, da trascorrere in totale libertà. 

Veneto: una grande varietà di itinerari e paesaggi

Tra le Regioni italiane che puntano sul turismo all’aria aperta in Italia c’è il Veneto, in risposta anche alle numerose richieste dei turisti stranieri, che nel 2020 a causa dello scoppio della pandemia, non avevano potuto viaggiare.

Ad attrarre non sono soltanto le città d’arte, ma anche i percorsi naturalistici, l’escursionismo e i luoghi in cui poter trascorrere una vacanza a contatto con la natura. Il Veneto offre infatti una grande varietà di paesaggi ed è una meta perfetta per gli amanti dell’ambiente e della biodiversità. La scelta dei percorsi è piuttosto ampia: si passa dal mare del litorale veneto ai cammini in montagna e le città d’arte, fino al Lago di Garda e al Delta del Po. Senza dimenticare i siti UNESCO – pensiamo per esempio alle ville Palladiane, alle Dolomiti e a Venezia e la sua laguna – o ai percorsi cicloturistici per gli amanti della biciletta. Le esperienze sono pensate anche per gli appassionati di enogastronomia, attraverso itinerari dedicati al vino e alle eccellenze tipiche del territorio.

Per quanto riguarda i percorsi a piedi, i turisti possono percorrere itinerari sullo sfondo di scenari naturali in cui il tempo sembra essersi fermato: come il Cammino delle Dolomiti, in 30 tappe e lungo oltre 500 km, adatto a piccoli gruppi di escursionisti che desiderano vivere un’esperienza anche spirituale, che vada oltre  il semplice trekking. Oppure, il Cammino Fogazzaro – Roi attraversa la campagna vicentina fino alla montagna e collega i luoghi cari allo scrittore Antonio Fogazzaro e al pronipote Giuseppe Roi, passando per Vicenza, città del Palladio e patrimonio Unesco. Tra gli itinerari religiosi, per chi volesse ripercorrere la vita itinerante del predicatore Frate Antonio, partendo dal Santuario del Noce di Camposampiero il Cammino di Sant’Antonio per giungere alla città di Padova e alla sua Basilica del Santo.

Cicloturismo e Strade del Vino

Il Veneto offre anche un’ampia proposta di percorsi cicloturistici: 5 itinerari divisi per tappe e 7 escursioni da fare in giornata, dove scoprire parchi naturali (sia al mare sia in montagna) o lungo percorsi enogastronomici. La ciclovia Garda-Venezia che parte dal Lago di Garda fino a raggiungere Venezia, passando per Verona, Vicenza e Padova, è uno tra gli itinerari più conosciuti in Europa: il viaggio può durare settimane ed è possibile prenotare diverse escursioni. In alternativa, si può seguire la Via del mare: dal Delta del Po sino alla laguna di Venezia. Lungo il percorso si attraversano caratteristiche città marinare come Chioggia e Caorle e spiagge come Jesolo, Eraclea arrivando fino a Bibione.

Agli itinerari già menzionati si aggiungono anche i percorsi alla scoperta delle tradizioni culinarie e vinicole. Sono molte le strade del vino e dei prodotti tipici, dove poter visitare aziende e cantine che apriranno le loro porte ai turisti: dai Colli Euganei, passando per la strada del Prosecco e vini dei Colli Conegliano Valdobbiadene, fino alla strada dei vini del Montello e dei Colli Asolani.

Da segnalare che la Regione del Veneto ha inoltre creato un’App gratuita – Veneto Outdoor – pensata per i turisti che amano le avventure all’aria aperta, selezionando un’ampia lista di percorsi su tutto il territorio, dalle Prealpi Trevigiane fino ai sentieri dei Colli Euganei, con informazioni, punti di interesse e tracce GPX, disponibili anche offline.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Alla scoperta del Veneto tra paesaggi, cultura e itinerari enogastronomici

Today è in caricamento