rotate-mobile
Martedì, 9 Agosto 2022
Partner

Valsugana in autunno, una bellezza che sorprende

Meta apprezzata in estate, non perde il suo fascino neppure in autunno. Durante questa stagione, infatti, cambia volto, offrendo molte opportunità in una cornice suggestiva

La Valsugana è una valle posta nel Trentino sud orientale, molto apprezzata come meta delle vacanze estive, dato il perfetto mix tra attività sportive, divertimento, relax e buon cibo.
È particolarmente nota per i laghi di Caldonazzo e Levico (che da anni ottengono la “Bandiera Blu”), per la pista ciclabile lungo il Brenta, per le terme aperte tutto l’anno e per le rigeneranti passeggiate nella natura.
Spesso si pensa, a torto, che la Valsugana, durante il periodo autunnale, si “fermi”, in attesa delle vacanze invernali.
Eppure, non è affatto vero.
Di sicuro, l’autunno va goduto in maniera più rilassata e tranquilla rispetto alle esuberante estate, ma gode di un fascino differente, forse più discreto, ma non inferiore.
La stagione autunnale si presta a essere vissuta ad un ritmo un po’ più lento, favorendo le attività da assaporare, e godere, in maniera distesa e un po’ più intima.
passeggiate-trekking-natura-3

Passeggiate in Lagorai © Trentino Marketing - E. Bosco
 

Inoltre, l’inizio dell’autunno, spesso (a torto) sottovalutato, offre anche vantaggi a livello climatico: vanta ancora temperature miti, senza l’afa caratteristica dell’estate.
A livello naturalistico, poi, si ha l’occasione di apprezzare i bei panorami sotto una luce diversa, grazie ai caratteristici colori che tingono gli alberi e l’ambiente con numerose tonalità del rosso, del giallo, dell’arancio.
Durante l’autunno, quindi, la Valsugana continua a offrire, ai suoi ospiti, la possibilità di effettuare piacevoli escursioni in una cornice suggestiva, dove la natura assume tinte più calde. Insomma, si tratta solo di scoprire un volto differente della Valsugana, dalla bellezza più “riflessiva”.
Per chi vive nel nord est Italia, data la maggiore facilità di raggiungerla anche in treno, ci si può dedicare uno short break per scoprire quali sorprese questa località ha in serbo in autunno.

Trekking e arte

Fare una passeggiata, immersi nella natura, è il modo migliore per comprendere l’ambiente circostante. In Valsugana esistono numerose proposte; ecco un paio di esempi.
Per un percorso di trekking diverso dall'ordinario, la Valsugana vanta un luogo speciale, dove arte e natura si fondono.
Si tratta di Arte Sella, un bosco secolare in cui, dal 1986, oltre 300 artisti internazionali hanno offerto il loro apporto, arricchendo il paesaggio con opere che si modificano con il passare delle stagioni. Sassi, rami, foglie, tronchi, terra, infatti, sono le materie prime di cui sono costituite le opere d'arte, che finiscono per diventare tutt’uno con l’ambiente circostante.
Percorrendo il percorso Artenatura è possibile scoprire le opere e gli alberi monumentali di Arte Sella; inoltre, è possibile visitare anche lo spazio espositivo e culturale Malga Costa.
Arte Sella © Trentino Marketing - P. O. Dellasega-2

Arte Sella © Trentino Marketing - P. O. Dellasega
 

Un’altra passeggiata che vale la pena di affrontare, anche per chi non è troppo allenato, è quella verso il Lago Erdemolo in valle dei Mòcheni.
Dopo una breve tratto di strada asfaltata, ci si addentra in un sentiero più gradevole e naturale, alla volta del lago.
In particolare, è caratteristica proprio la conca dove è ubicato lo specchio d’acqua, alla base del Pizzo Alto e Monte del Lago.

Tranquillità, ma anche divertimento

Il fatto che l’autunno sia caratterizzato da ritmi più rilassati, non vuol dire che manchi il divertimento. Sono, infatti, disponibili vari eventi organizzati, dedicati a tutti.
Tra i più gettonati c’è il canyoning, che consiste nel calarsi, con la corda, all’interno di gole e forre, per apprezzare da vicino una realtà di acqua e roccia, declinate secondo la fantasia della natura.
Il tutto viene fatto in completa sicurezza, dato che l’attività viene svolte sotto la supervisione di una Guida Alpina UIAGM con specializzazione canyoning internazionale.
Per prepararsi alle uscite, viene consegnato il materiale necessario e si segue un breve briefing tenuto dalla Guida Alpina, che chiarisce come muoversi in acqua e come verranno affrontate le calate con la corda, per poter vivere l’esperienza in sicurezza.
Per il resto, non serve altro che un po’ di spirito di avventura, voglia di mettersi in gioco e di divertirsi: non è necessario, infatti, avere una preparazione atletica particolare.
Può, quindi, essere una buona soluzione per team building o per un addio al celibato/nubilato fuori dal comune.
Inoltre, questo modo originale di di vivere la natura, rispettandola, è un’esperienza adatta non solo agli adulti, ma anche ai bambini a partire dai 10 anni.
Il canyoning ha anche il vantaggio di poter essere svolto anche durante le giornate uggiose.
canyoning-turisti-divertimento-2

Dettaglio canyoning © Trentino Marketing - L. Tonina
 

Un territorio da assaporare, in tutti i sensi

Ovviamente, non si poteva trascurare l’aspetto enogastronomico.
Per chi preferisce un soggiorno all’insegna del relax o, magari, proprio dopo una lunga passeggiata immersi nella natura ci si può coccolare con una degustazione al calar del sole.
Nei mesi di settembre e ottobre, infatti, in Valsugana si organizzano gli eventi “Calici al Tramonto”.
Gli appuntamenti consistono in una degustazione di 3 calici, accompagnati da prodotti tipici, con visita alla cantina compresa.

degustazioni-al-tramonto-3

Calici al tramonto © Trentino Marketing - R. Kiaulehn
 

Un valore aggiunto: la sostenibilità

La Valsugana, e i suoi abitanti, hanno sposato la filosofia che ha ispirato l’Agenda 2030 e i relativi 17 Sustainable Developement Goals.
Per questo, ha promosso un modello di sviluppo del turismo che, oltre a prestare attenzione alle vacanze green e allo slow dei turisti, si prende cura anche del benessere dei suoi abitanti, coinvolgendo le politiche ambientali, la sostenibilità sociale e economica.
Grazie alle iniziative messe in atto, la Valsugana è destinazione certificata per il turismo sostenibile secondo gli standard GSTC, il Global Sustainable Tourism Council (organizzazione nata per concretizzare i 17 Goals elencati nell’Agenda 2030).
Una visita in Valsugana è, quindi, un’occasione da cogliere, per godere, nella tranquillità autunnale, di una località in grado di offrire molto, anche in autunno, in maniera sostenibile.

Se è vero che, per chi risiede nel nord est Italia la Valsugana è comodamente raggiungibile, questa meta non è tanto distante neppure dal nord ovest: che sia in auto, in treno, o in pullman, ci si può dedicare una pausa dalla quotidianità senza dover affrontare un viaggio impegnativo.

Pronti a farsi conquistare dalla Valsugana? Allora si può iniziare subito a pianificare la propria vacanza o weekend, visitando il sito dedicato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Valsugana in autunno, una bellezza che sorprende

Today è in caricamento