rotate-mobile
Martedì, 27 Febbraio 2024

Notizie su Giorgio Napolitano

Stato-mafia, la deposizione di Napolitano: "Attentati come ricatti"
CRONACA GIUDIZIARIA

Stato-mafia, la deposizione di Napolitano: "Attentati come ricatti"

E' stata depositata la trascrizione della testimonianza resa dal presidente della Repubblica nel processo per la trattativa Stato-mafia. Per Napolitano l'attentato di via D'Amelio fu decisivo per l'introduzione del carcere duro. L'anno dopo la mafia provò, con bombe e attentati, a intimidire lo Stato per fargli fare un passo indietro sul 41/bis

Stato-mafia, le verità di Re Giorgio
Trattativa Stato - Mafia

Stato-mafia, le verità di Re Giorgio

Il capo dello Stato ha risposto a tutte le domande di pm e avvocati di parte: "Le bombe non furono una trattativa ma un ricatto, un ultimatum dell'ala corleonese". E sulla lettera di D'Ambrosio: "Non mi parlò mai di indicibili accordi"

Stato-mafia, il giorno di Napolitano
Cronaca giudiziaria

Stato-mafia, il giorno di Napolitano

Il presidente della Repubblica ha testimoniato al Quirinale davanti alla Corte d'assise per il processo sulla presunta trattativa Stato-mafia: i pm di Palermo hanno chiesto conto sia della lettera del consigliere D'Ambrosio che dell'allarme attentati del '93

Processo Stato-mafia, Napolitano dovrà testimoniare
Trattativa Stato-mafia

Processo Stato-mafia, Napolitano dovrà testimoniare

Il presidente della Corte d'assise di Palermo ha sciolto la riserva sull'ammissione della testimonianza. Inutile la lettera di Napolitano in cui spiegava di non aver nulla da riferire in merito. Saranno i magistrati a salire al Quirinale

L'uomo del Colle ha detto sì: arrivano i tagli al Quirinale
COSTI&CASTA

L'uomo del Colle ha detto sì: arrivano i tagli al Quirinale

Firmato il decreto che riduce le spese della presidenza della Repubblica: arriva il tetto dei 240mila euro per i consiglieri e il personale. Si avrà un risparmio complessivo per il bilancio dello Stato di sedici milioni di euro

Napolitano non ci sta: "Decido io quando dimettermi"
Politica

Napolitano non ci sta: "Decido io quando dimettermi"

Il presidente della Repubblica ha assicurato che resterà nel suo incarico per garantire la continuità istituzionale nel semestre di presidenza italiana dell'Ue. E sulle riforme: "Se rimangono le diffidenze rischiano di naufragare"

Today è in caricamento