rotate-mobile
Giovedì, 20 Giugno 2024
Finanziamento ai partiti

Abolito il finanziamento pubblico ai partiti, Grillo sbotta: "Chiacchiere"

Il Consiglio dei ministri decreta lo stop al finanziamento pubblico dei partiti (sarà abolito in toto tra 4 anni). L'annuncio di Quagliariello su Twitter: "Una è andata, ora avanti con la riduzione dei parlamentari". Gioia Letta: "Promessa mantenuta". Grillo sbotta contro il Pd

ROMA - "E una è andata: abolito il finanziamento pubblico dei partiti". E' Gaetano Quagliariello, ministro delle riforme Costituzionali, a dare l'annuncio con un tweet "liberatorio". A consiglio dei ministri ancora in corso, il senatore di Nuovo Centrodestra ha ufficializzato oggi lo stop al finanziamento pubblico ai partiti, con un decreto, e ha annunciato il prossimo passo: "Ora avanti con la riduzione del numero dei parlamentari".

Il decreto, con ogni probabilità, recepirà il disegno di legge già approvato dal Cdm, ma fermo in Parlamento. Questo ora dovrà esprimersi in sessanta giorni. In pratica la riforma, che nel 2014 prevede una riduzione del finanziamento pubblico del 25%, nel 2015 del 50% e nel 2016 del 75%, andrà a regime dal 2017 quando il sistema attuale sarà abolito in toto e sostituito dalle donazioni volontarie del 2 per mille dei cittadini.

quagliariello twitter-2

Poche ore prima, sempre su Twitter, ad esultare era stato il presidente del Consiglio, Enrico Letta. "Avevo promesso ad aprile l'abolizione del finanziamento pubblico dei partito entro l'anno - ha cinguettato il premier - L'ho confermato mercoledì. Ora in Cdm manteniamo la promessa". ;Matteo Renzi approva ritwittando il messaggio del premier.
 
letta twitter-2

Una promessa che, evidentemente, è stata mantenuta. Twitter è anche il canale scelto dal ministro dell'Interno, Angelino Alfano, per commentare la notizia: "In Cdm abbiamo appena abolito ilfinanziamento pubblico ai partiti. Per decreto. Impegno mantenuto!", scrive sul social network.

alfano tweet-2

Immediate le critiche del leader del Movimento 5 Stelle, Beppe Grillo, che sempre usando i 140 caratteri di Twitter, chiede al presidente del Consiglio che il Pd restituisca il denaro ricevuto: "Basta con le chiacchere Enrico Letta. Restituisci ora 45 mln di euro di rimborsi elettorali del Pd a iniziare da quelli di luglio", si legge nel tweet che rilancia l'hashtag '#bastaunafirma'.

grillo tweet rimborsi-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Abolito il finanziamento pubblico ai partiti, Grillo sbotta: "Chiacchiere"

Today è in caricamento