rotate-mobile
Venerdì, 20 Maggio 2022
Politica Italia

Reato di accattonaggio, ora la Lega fa sul serio

Il Carroccio vuole dare il potere a sindaci e polizia locale di gestire l'ordine pubblico consentendo l'arresto per chi chiede soldi in strada in modo aggressivo, o con l'inganno

La Lega intende arginare il fenomeno dell'accattonaggio: la proposta parlamentare per inserire nel codice penale il reato di "accattonaggio molesto" è stata presentata dal sottosegretario all'Interno Nicola Molteni.

Carcere da tre a sei mesi e un'ammenda da 3mila a seimila euro per chi "disturba", ma se si causa "disagio", si può arrivare fino a un anno di carcere e fino a 10mila euro di ammenda. Questo il nucleo della proposta che nelle intenzioni della forza di governo vuole dare uno strumento efficace per aiutare sindaci e polizia locale a gestire l'ordine pubblico. 

Il testo del disegno di legge contro l'accantonaggio è stato depositato insieme ad altre leggi simbolo come la legittima difesa e la castrazione chimica per gli stupratori.

"Chi mendica simulando infermità per destare l’altrui pietà, o in modo fraudolento o vessatorio - si legge nel disegno di legge - deve essere arginato e punito poiché l’accattonaggio molesto o comunque invasivo provoca l’insicurezza dei cittadini".

"Chiunque mendica arrecando disturbo o in modo invasivo ovvero esercita attività ambulanti non autorizzate in luogo pubblico o aperto al pubblico è punito con l’arresto da tre a sei mesi e con l’ammenda da euro 3.000 a euro 6.000. La pena è dell’arresto da sei mesi a un anno e dell’ammenda da euro 5.000 a euro 10.000 se il fatto è compiuto in modo da arrecare particolare disagio alle persone ovvero rischio della propria o altrui incolumità, intralciando in qualsiasi modo la circolazione dei veicoli o dei pedoni ovvero mediante tecniche di condizionamento della personalità o in modo ripugnante o vessatorio, nonché simulando deformità o malattie, ovvero adoperando altri mezzi fraudolenti per destare l’altrui pietà "

Il disegno di legge è composto da un solo articolo e parte dal presupposto che la Cassazione in una sentenza del 1995 stabilì che "il reato di accattonaggio è compatibile con la Carta costituzionale solo se chi mendica lo fa simulando infermità o arrecando disturbo o in modo invasivo".

Come spiega il sottosegretario dell'interno al Messaggero si tratta principalmente di uno strumento a sostegno dei sindaci che per ora possono soltanto fare ricorso a delle circolari.

In pratica la Lega annuncia una guerra a venditori di rose o a chi chiede l'elemosina in maniera troppo insistente, senza tuttavia specificare in alcun modo quando il comportamento diventa molesto

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Reato di accattonaggio, ora la Lega fa sul serio

Today è in caricamento