Giovedì, 24 Giugno 2021
Andrea Falla

Opinioni

Andrea Falla

Giornalista Today

Vorrei una politica con meno bulli e più Miss Piggy

Alessandra Clemente nelle foto mostrata sui social

I confronti politici a cui siamo abituati ad assistere quotidianamente, spesso riescono a rasentare il grottesco e l'assurdo, un fondo del barile che si raggiunge quando il dibattito e lo scontro spostano l'attenzione dai temi importanti per i cittadini a dettagli ben lontani dall'interesse pubblico, come i presunti difetti di una donna. È il caso di Alessandra Clemente, assessore ai giovani e alle politiche giovanili di Napoli, che è stata paragonata dal consigliere di Fratelli d'Italia Marco Nonno, a Miss Piggy, celebre personaggio del Muppet Show, con l'aspetto di un maiale. Il tutto con tanto di foto allegata ad un comunicato stampa. 

Alessandra Clemente ha replicato con un lungo post su Facebook, in cui racconta la vicenda, mostrando anche l'immagine della discordia: ''Ecco la “foto satirica” allegata al comunicato stampa di questa mattina di un consigliere comunale di Fratelli d’Italia. Un’azione maschilista, retrograda e indegna in cui mi paragona ad un personaggio animato della serie tv “muppets show” con tanto di foto in allegato.  È vero ci assomigliamo. Viso tondo. Naso all’insù. Occhi Azzurri. Bionda. Qualche kilo in più. È vero ed anche da piccola mi prendevano in giro, mi chiamavano “maialino” e a casa tornavo sempre con i lacrimoni''. 

''Come donne, mamme, sorelle - prosegue il post - dobbiamo pretendere che questi vili attacchi verbali cessino in politica e nella vita. Io ho le spalle forti, nonostante la mia giovane età, ma quante ragazze e ragazzi tra i banchi di scuola, quanti giovani, devono sopportare questi paragoni e queste prese in giro?  Io non mi lascio intimorire ma che effetto hanno sulle bambine e i bambini delle nostre città e per chi è più sensibile? La politica deve dare l'esempio, soprattutto ai più giovani. Essere orgogliosi delle proprie azioni''. 

''Mostro a viso aperto la foto satirica allegata che voleva denigrarmi per dire a chi subisce, lontano dai riflettori, atti di bullismo come questo, che siamo forti, molto più forti di questi bulli'': così l'assessora conclude il suo lungo messaggio, rivolgendosi a tutte le persone che ogni giorno sono vittime di bullismo. Un problema che, purtroppo, offre casi di cronaca quasi ogni giorno, sia che si parli di violenza fisica che sui social. Eppure, proprio da quella politica da cui ci si dovrebbe aspettare il buon esempio, soprattutto in relazione a tematiche così delicate, otteniamo l'esatto contrario. 

Assistiamo ad una comunicazione fatta di offese e scherni, classici esempi di chi, non potendo arrivare con l'intelletto e con il dialogo, sfrutta il verbo per attaccare e denigrare l'avversario, spostando appunto il confronto, su un piano diverso, a tratti misero. È la scoperta dell'acqua calda, lo so, ma la verità è che non abbiamo bisogno dei bulli, né a scuola, né in strada, né tantomeno nei palazzi della politica. Serve gente preparata, che abbia voglia di fare. Punto. 

Che poi, lasciatemelo dire, paragonare una donna a Miss Piggy, pensando di ''colpirla'' nell'orgoglio, è un po' come citare Topolino per definire una lettura scadente. Come per il fumetto dei personaggi Disney, un prodotto educativo e di grande profondità, anche la maialina dei Muppets è un personaggio dalle grandi doti, uno di quelli che, al contrario di alcuni politici, il buon esempio lo sa dare. Moglie attenta e premurosa, madre dolce e ma allo stesso tempo severa, donna simpatica ed intelligente (anche se con poca pazienza), ma che farebbe qualsiasi cosa per il suo marito Bob la rana e per i suoi tre figli. Insomma, non proprio un brutto personaggio a cui essere paragonati. 

Nel frattempo Nonno ha dato la sua contro-replica: ''Il comunicato stampa è chiaro ed è in italiano. Il riferimento è alla spensieratezza con cui Clemente affronta l’aula, non al suo aspetto fisico. Non si presenta e non ha l’educazione di avvisare della sua assenza. Mentre la città crolla trovano il tempo di tagliare il nastro. Mi aspetto le scuse per gli insulti ricevuti dall'assessore in Consiglio''.

Nonno non fa dietrofront anzi, chiarisce che il suo riferimento non era sull'aspetto fisico di Alessandra Clemente. Ma il problema è un altro e nasce quando il dibattito politico, a qualsiasi livello, mette in scena dinamiche da scuola elementare, rasentando il grottesco e l'assurdo. Ed infine, va detto chiaramente: Miss Piggy è bellissima. 

Si parla di

Vorrei una politica con meno bulli e più Miss Piggy

Today è in caricamento