Migranti, naufraga la riforma per redistribuire i rifugiati: Salvini assente

I ministri degli Interni degli Stati europei rinviano a dopo le elezioni la revisione delle regole di Dublino sui richiedenti asilo: assente al tavolo negoziale il ministro italiano

Che il ministro degli interni Matteo Salvini non ami Bruxelles è cosa nota, eppure anche oggi - ad un tavolo negoziale importante come quello sulla riforma di Dublino - il leader del Carroccio è risultato assente.

Nonostante quello dei migranti sia stato il tema sicuramente vincente della campagna elettorale, al tavolo che avrebbe dovuto decidere sulla sorti della riforma delle regole dell’accoglienza dei richiedenti asilo e la ripartizione dei migranti tra Paesi dell'Unione europea, l'Italia è arrivata (Molteni ci perdonerà l'espressione, ndr) ancora una volta "spuntanta".

E non è la prima volta: come da registro delle presenze, sui sei incontri avvenuti da quando si è insediato il Governo gialloverde, il vicepremier ha presenziato a una sola riunione del Consiglio Giustizia e affari interni.

“Il governo italiano, così come faceva quello precedente, è presente nel proporre le proprie posizioni e continuiamo a lavorare molto da vicino con loro”, ha dichiarato il commissario per l'Immigrazione Dimitris Avramopoulos, evitando polemiche e aggiungendo che Salvini “mi aveva chiamato per spiegarmi perché non poteva partecipare”.

La riforma di Dublino rinviata a dopo il voto

Salvini assente a parte, ancora una volta i ministri degli Interni dei 28 Stati membri non hanno trovato un accordo sulle norme proposte dalla Commissione e votate dall’Eurocamera: per superare il trattato di Dublino e trovare un sistema di ricollocamento obbligatorio che non lasci sole le nazioni che si affacciano sul Mediterraneo occorrerà aspettare le elezioni europee del prossimo maggio.

Nella riunione di Bruxelles comunque a poco o nulla sono servite le esortazioni del commissario europeo, che aveva chiesto senso di responsabilità ai Paesi Ue.

Dublinanti, la nuova sfida su cui si gioca il futuro dell'Europa 

"Se non adottiamo un sistema di asilo comune europeo, l'Europa nel futuro sarà molto vulnerabile", aveva detto Avramopoulos.

Il commissario greco ha poi sottolineato che la riforma dell’asilo era una delle “questioni pendenti” da risolvere in vista delle elezioni europee. Ma gli Stati membri si sono dimostrati, ancora una volta, divisi e non interessati a raggiungere un compromesso su un tema così scottante, sul quale si giocherà la campagna elettorale per il rinnovo del Parlamento europeo a maggio.

Guarda anche

In giro per Milano spuntano tanti "baby-Salvini": la nuova opera di Cristina Donati Meyer

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

"Ci piacerebbero dei politici che lavorano per risolvere i problemi del Paese e della povera gente, francamente di cosa mangiano e di quanto sono simpatici e sarcastici, non ce ne importa granché", scrive l'artista

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (18)

  • Il lupo perde il pelo ma non il vizio.

  • Basta chiacchiere, finché nessuno prenderà in considerazione seriamente il problema dei clandestini e il problema della sicurezza Trionferà sempre Salvini

  • Beh almeno lui fa qualcosa, e prova a cambiare una situazione cronicizzata da tanti anni di sinistra al governo. Il PD invece li raccattava per avere concessioni finanziarie dalle banche europee, e ci parlava pure di carità, inclusione e umanità...

    • Cosa fa di preciso?

  • Un ministro dell'interni di risibile spessore politico... putroppo per il nostro paese.

    • alfano invece era il sogno di tutti

  • Per andare a perdere tempo e farsi prendere in giro, meglio stare a casa propria e fare le cose come vanno fatte...

    • E i 49 milioni di euro...?

      • .... c'entrano con l'articolo tanto quanto il tuo commento, zero...

        • Sempre 49 milioni di euro, deve spiegare agli italiani. Indipendentemente.

Notizie di oggi

  • Economia

    L'Italia resterà senza medici, -16mila da qui al 2025: "Dovremo importarli dall'estero"

  • Cronaca

    Bus dirottato e bruciato, la telefonata al 112 del bambino: "Non possiamo morire". L'audio

  • Economia

    L'Italia nella "Belt and Road initiative", come sarà la nuova via della Seta

  • Economia

    Arriva il 'bollino di Stato' per tutelare le aziende Made in Italy

I più letti della settimana

  • Isola dei Famosi 2019: cast, concorrenti, puntate e tutte le anticipazioni

  • Il duro messaggio di Alessandro Casillo: "Cara Maria, ecco perché ho lasciato Amici"

  • Estrazioni Lotto, SuperEnalotto e 10eLotto: i numeri vincenti di oggi sabato 16 marzo 2019

  • Misteriose spirali comparse nei campi di grano in provincia di Torino

  • Elezioni europee 2019, la guida al voto: tutto quello che c'è da sapere

  • Carlo Conti confessa: "Ho ripreso al volo mia moglie Francesca"

Torna su
Today è in caricamento