Lunedì, 1 Marzo 2021

#Mattarelladimettiti: sull'attacco social al Quirinale indaga l'antiterrorismo

La vicenda riguarda gli attacchi sui social media, tra il 27 e il 28 maggio scorso, al capo dello Stato dopo il suo "no" a Savona al Ministero dell’Economia. Si sospetta la responsabilità di troll russi

Russiagate all'italiana? I presunti attacchi web al presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, arrivano a piazzale Clodio. La Procura di Roma infatti aprirà nei prossimi giorni un fascicolo d’indagine in merito alla possibile azione che sarebbe stata condotta online da troll russi nella notte tra il 27 e il 28 maggio scorso, quando Mattarella bocciò la candidatura di Paolo Savona come ministro dell’Economia. L’indagine sarà affidata al pool di magistrati che si occupa dell’antiterrorismo e in Tribunale si attende un’informativa della polizia postale.

Gli attacchi sarebbero arrivati da Twitter: sul social infatti si registrarono in pochi minuti circa 400 nuovi profili, tutti riconducibili all'area geografica della Russia, e da questi partirono migliaia di messaggi contro il presidente Mattarella, con insulti e inviti alle dimissioni.

La versione di Savona: "Ho subito un grave torto, non avrei messo in discussione l'euro"

La vicenda sarà tra i vari temi che verranno affrontati nell'audizione al Copasir del Direttore generale del Dis, Alessandro Pansa, in programma lunedì a Palazzo San Macuto. Si tratta, rilevano fonti qualificate all'Adnkronos, di una seduta già programmata prima dello scoppio del caso, l'audizione di rito al responsabile dell'intelligence italiana come atto di esordio del Comitato parlamentare. E' lecito tuttavia aspettarsi che, tra tutti i diversi temi legati alla sicurezza nazionale che verranno dibattuti lunedì al Copasir, ci sia spazio per un approfondimento dedicato agli attacchi via social al Capo dello Stato del 27 maggio scorso.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

#Mattarelladimettiti: sull'attacco social al Quirinale indaga l'antiterrorismo

Today è in caricamento