rotate-mobile
Martedì, 18 Gennaio 2022
TASSE

Tassa sulla casa, il governo e l'aumento: "Non è colpa nostra"

Il ministro del Lavoro Giuliano Poletti: "L'aumento era inevitabile, non era modificabile". Guardando avanti, promette: "Per il futuro risorse non per via fiscale ma riducendo la spesa"

"Questa situazione era inevitabile perché completa un quadro fiscale che è stato organizzato intorno alle tematiche dei servizi e della casa". Così il neoministro del Lavoro, Giuliano Poletti, è interveunuto in merito alle lamentele seguite al nuovo aumento della Tasi. "Questo non era modificabile - ha aggiunto ai microfoni di L'Economia prima di tutto del Gr Rai - ma per il futuro la nostra scelta è quella di andare sul tema della spending review e quindi del non recuperare risorse per via fiscale ma riducendo la spesa".

LAVORO CENTRALE - Poletti ha poi dichiarato: "Stiamo pensando a tante e diverse politiche ma soprattutto al tema delle politiche attive, ossia fare in modo che tutti possano avere un'opportunità, che si tratti di tornare a formarsi, a formare una piccola azienda, a cominciare a lavorare. Nessuno deve stare con le mani in mano, inutile a sé, inutile agli altri, bisogna produrre il massimo della ricchezza possibile tramite il lavoro".

IL MINISTRO E LE COOP - Tra i possibili settori sui quali puntare, il ministro Poletti - presidente Legacoop - ha individuato proprio quello delle cooperative: "Negli ultimi quattro anni di crisi il mondo delle cooperative è aumentato del 2% l'anno nell'occupazione. Bisogna guardare a quel grande mondo dell'economia sociale e solidale, fatto da imprese no profit, associazionismo, mutue fondazioni, finanza etica, che fa lavorare circa 3 milioni di persone e che non è mai stato considerato come un elemento economico ma piuttosto come una componente sociale. Non è così: può essere un altro pezzo della nostra risposta alla crisi". Per quanto riguarda il cuneo fiscale e la cifra di 10 miliardi annunciata dal premier Renzi Poletti conferma, Poletti si è limitato ad affermare:"Credo che sia il punto a cui riferirsi".

SUSSIDIO DI DISOCCUPAZIONE - Infine sull'ipotesi di un sussidio di disoccupazione universale cancellando la cassa integrazione in deroga, il ministro del Lavoro ha affermato: "E' un problema oggettivo da discutere perché abbiamo una serie di lavoratori che hanno un elemento di difesa di fronte alla crisi mentre altri che sono completamente senza nulla. Credo che sia un problema della comunità italiana quello di chiedersi quale sia la modalità più equa per sviluppare questo tipo di intervento. Abbiamo un obbligo nei confronti di tutti i lavoratori e quindi dobbiamo trovare uno strumento adeguato che abbia valenza universale".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tassa sulla casa, il governo e l'aumento: "Non è colpa nostra"

Today è in caricamento