rotate-mobile
Martedì, 25 Gennaio 2022
Nuovo governo

Berlusconi ricatta Bersani: "A noi il Quirinale o bloccheremo il Senato"

"Non permetterò un governo con i grillini comprati: il Pd non può mettere da parte un terzo degli italiani". Così Silvio Berlusconi torna all'attacco dopo la manifestazione di Roma.

Il Pd cambi linea "a 180 gradi" e "si renda disponibile ad un governo con il Pdl e contemporaneamente dichiari di volere un moderato al Colle" altrimenti "si torni al voto al più presto". Lo ribadisce Silvio Berlusconi intervenendo a la Telefonata di Belpietro su Canale 5. "Bersani è una persona ragionevole prenda atto che non ha i numeri e quindi come sempre si è fatto in questi casi si faccia un governo, nell'interesse del Paese, con le altre forze responsabili".

Ed eccole le "forze responsabili" a cui fa riferimento Berlusconi: "Noi, la Lega e con le forze di centro come è giusto e doveroso che sia". Berlusconi ha sottolineato che non solo il Pd deve aprire al Pdl, ma è anche necessario avviare una trattativa sul Quirinale: "Le elezioni hanno dato come risultato due forze alla pari - ha aggiunto - noi chiediamo che ci sia un governo con l'inclusione del Pdl e anche un presidente della Repubblica moderato".

LA PROPOSTA SHOCK DI BERLUSCONI

QUIRINALE - L'ex premier ha quindi ribadito che se non ci sarà un'apertura sul Quirinale, il centrodestra tornerà in piazza: "La sinistra ha occupato tutte le cariche e se farà lo stesso per il Quirinale noi con i nostri senatori bloccheremo il Senato e quindi il Parlamento e porteremo la protesta in piazza perchè questo sarebbe un golpe in Italia".

L'INCONTRO - Quanto all'incontro con il premier 'in pectore', Berlusconi ha spiegato che "non è stato ancora deciso, non posso dare una risposta".

NUOVO GOVERNO: IL PD APRE ALLA LEGA NORD

LA PIAZZA - "Sono esterrefatto, perchè se c'è un partito che scende sempre in piazza è il Pd. Noi siamo moderati ma non abbiamo l'anello al naso e vogliamo reagire e siamo contro chi fa da sponda con quella parte della magistratura che usa i processi per eliminare il nemico politico. Siamo contro la violenza ma non siamo disposti a farci mettere i piedi in testa e a far calpestare i diritti". Questa la dura risposta di Silvio Berlusconi a chi gli chiede un commento alle critiche del Pd per aver manifestato davanti al tribunale di Milano.

IL NO DI BERSANI AL PROGETTO DEL CAVALIERE

NO AI "GRILLINI COMPRATI" - "Bersani non ha possibilità di mettere su un governo con grillini 'comperati' rispetto al programma che vuole Grillo perchè noi non lo accetteremo e lo impediremo. Il Pd non può pensare di mettere da parte un terzo degli italiani senza farli contare al governo e senza che ci sia la possibilità di un accordo per un uomo di garanzia per tutti alla Presidenza della Repubblica".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Berlusconi ricatta Bersani: "A noi il Quirinale o bloccheremo il Senato"

Today è in caricamento