rotate-mobile
Domenica, 16 Gennaio 2022
La mossa dello scoiattolo

Quirinale, Salvini e Meloni: "Proporremo Berlusconi, sciolga la riserva". Il Popolo Viola scende in piazza

Il comunicato congiunto al termine del vertice di Villa Grande. Con questo passo formale quindi Silvio Berlusconi è il candidato ufficiale dell'intero centrodestra per il Quirinale. Si parte ovviamente dalla quarta votazione quando scatta l'elezione a maggioranza semplice.

I leader del centrodestra "hanno convenuto che Silvio Berlusconi sia la figura adatta a ricoprire in questo frangente difficile l'Alta Carica con l'autorevolezza e l'esperienza che il Paese merita e che gli italiani si attendono. Gli chiedono pertanto di sciogliere in senso favorevole la riserva fin qui mantenuta. 

"Il centrodestra, che rappresenta la maggioranza relativa nell'assemblea chiamata ad eleggere il nuovo Capo dello Stato ha il diritto e il dovere di proporre la candidatura al massimo vertice delle istituzioni".

È quanto si legge in un comunicato congiunto del centrodestra, al termine del vertice nella residenza romana dello stesso Berlusconi. Secondo quanto si apprende un nuovo vertice del centrodestra è in programma tra una settimana per verificare "i numeri" dei grandi elettori favorevoli a votare per il leader di Forza Italia a partire da lunedì 24 gennaio quando inizierà l'assemblea per l'elezione del capo dello Stato. "Le forze politiche del centrodestra lavoreranno per trovare le più ampie convergenze in Parlamento - si legge nel comunicato - e chiedono altresì ai presidenti di Camera e Senato di assumere tutte le iniziative atte a garantire per tutti i 1009 grandi elettori l'esercizio del diritto costituzionale al voto".

Con questo passo formale quindi Silvio Berlusconi è il candidato ufficiale dell'intero centrodestra per il Quirinale. Si parte ovviamente dalla quarta votazione quando scatta l'elezione a maggioranza semplice.

Berlusconi candidato al Quirinale, Renzi: "È melina"

"Secondo me è questione che si definisce tra mercoledì e giovedì della settimana prossima. Oggi è melina, si direbbe catenaccio a centrocampo" spiega il leader di Italia viva, Matteo Renzi rispondendo alla domanda se Silvio Berlusconi sarà il candidato del centrodestra per la presidenza della Repubblica, ospite di 'Oggi è un altro giorno' su Rai 1. "Salvini e Meloni lo tengono lì per motivi tattici, la settimana prossima vedremo se fanno sul serio o no". 

La protesta del Popolo Viola

Immancabile la reazione del Popolo Viola, il coordinamento che da tempo raccoglie chi si oppone alla presenza di Berlusconi nella vita politica del paese. "Sembra di vivere un brutto film giá visto - spiegano Gianfranco Mascia e Adele Palazzo - dobbiamo reagire, per questo torneremo in piazza il 25 gennaio dalle 15, probabilmente in piazza Santi Apostoli". "Anche alla luce della decisione odierna del centrodestra di chiedere a Berlusconi di candidarsi, lanciamo un appello a tutte le forze democratiche, alle assocciazioni, ai partiti a tutte le personalitá e le cittadine e i icittadini a partecipare con noi a questa iniziativa che abbiamo deciso di organizzare il secondo giorno delle votaziani, una volta che avremo constatato che il peggiore incubo che possa capitare alla democrazia italiana sia davvero accaduto: il nome di chi é indegno di rappresentare tutti gli italiani e, soprattutto, tutte le italiane declamato dal Presidnte della Camera Fico durante lo spoglio per l'elezione del Presidente della Repubblica. Dettagli sullo svolgimento dell'iniziativa verranno comunicati nei prossimi giorni", concludono Mascia e Palazzo.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Quirinale, Salvini e Meloni: "Proporremo Berlusconi, sciolga la riserva". Il Popolo Viola scende in piazza

Today è in caricamento