rotate-mobile
Martedì, 17 Maggio 2022
Giustizia

Berlusconi, il processo Ruby Ter rinviato per l'elezione al Quirinale

I giudici hanno accolto la richiesta della difesa: il procedimento slitta di quasi un mese

Il processo Ruby Ter slitta di quasi un mese. I giudici del Tribunale di Milano hanno infatti deciso di rinviare il procedimento al 16 febbraio dopo aver interlocuito con la difesa del Cavaliere. L'avvocato di Berlusconi Federico Cecconi aveva infatti chiesto ai magistrati di considerare "l'opportunità" di rimandare l'udienza in programma per mercoledì 26 gennaio, poiché, "il 25 iniziano le prime sedute per l'elezione del presidente della Repubblica", sostenendo che la richiesta viene fatta "a prescindere del fatto che il dottor Berlusconi possa essere ufficialmente candidato" e per "una ragione di opportunità".

Il legale aveva anche fatto presente l'opportunità di rinviare il processo "a fine febbraio" anche per la "situazione pandemica in atto".

Il processo era stato già rinviato per motivi di salute

Anche lo scorso settembre la difesa del Cavaliere aveva chiesto un rinvio, ma per motivi di salute. Berlusconi in quei giorni si era presentato all'ospedale San Raffaele per alcune visite. Il 26 agosto, invece, dopo il suo rientro dalla Sardegna, era stato ricoverato nella struttura sanitaria per una notte. 

L'ex presidente del Consiglio era già stato ricoverato, sempre al San Raffaele, dal 6 aprile al 1 maggio scorsi e poi era tornato ancora nell'ospedale milanese a metà maggio per ulteriori controlli dovuti principalmente agli strascichi lasciati dal covid, contratto nel 2020. Il 14 settembre di quell'anno quando uscendo dall'ospedale disse di aver passato brutti momenti a causa della polmonite bilaterale.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Berlusconi, il processo Ruby Ter rinviato per l'elezione al Quirinale

Today è in caricamento