Martedì, 28 Settembre 2021
Politica

Calabresi-Di Maio, che scintille in tv: "Avete querelato mio padre, morto 46 anni fa"

Il direttore di Repubblica e il vicepremier e ministro del Lavoro si confrontano sulla libertà di stampa a DiMartedì su La7. Un botta e risposta molto acceso in cui si è parlato anche di querele: le immagini

E' stato un confronto molto acceso quello tra Mario Calabresi e Luigi Di Maio, andato in scena ieri sera in tv su La7 a DiMartedì, il programma condotto da Giovanni Floris. Nel corso del talk show politico, il direttore di Repubblica e il leader M5s, vicepremier e ministro del Lavoro, sono stati protagonisti di un botta e risposta (piuttosto animato) sulla libertà di stampa e sul rapporto tra politica e giornali. Si è parlato anche di querele.

Lo scontro tra Luigi Di Maio e Mario Calabresi a DiMartedì

Mario Calabresi ha detto che "i governi non dovrebbero intromettersi in quello che fanno i giornali", Di Maio ha parlato di finanziamento pubblico ai giornali (anche se non esiste più), ha detto che la libertà di stampa non è libertà di dire bugie e ha mostrato alcune prime pagine del quotidiano che, secondo lui, non sarebbero corrette; il conduttore Floris è intervenuto commentando che è "imbarazzante il fatto che un ministro ripercorra tutte le prime pagine contestando i titoli di un giornale". Alle battute finali del confronto, il direttore di Repubblica ha ricordato di aver ricevuto due querele da Di Maio e tre da Casaleggio. E ha aggiunto, porgendo a Di Maio alcuni fogli: "La querela relativa al caso di Raffaele Marra gliela do adesso, così la riguarda e me la rimanda corretta, perché voi avete fatto causa a un signore che si chiama Luigi Calabresi, non Mario Calabresi. Luigi Calabresi era mio padre, che, come saprà, non c’è più da 40 e rotti anni".

Quarantasei, per la precisione, perché il funzionario di polizia venne ucciso in un attentato il 17 maggio 1972 a Milano. "E' un errore formale - ha risposto Di Maio - tanto è vero che la causa sta andando avanti e non è stata invalidata". E il direttore di Repubblica ha rincarato la dose: "Questo errore, però, dà l’idea dell'approssimazione con cui fate le cose. Dovreste fare le cose in un altro modo, con un’altra serietà". "Guardi, se lei vuole, le mostro centinaia di articoli che raccontano come voi date le notizie in maniera approssimativa", ha risposto il leader M5s.

"La libertà di stampa in questo Paese è la possibilità dei cittadini di conoscere i fatti. Per me sui giornali oggi ci sono troppe bugie e troppe campagne contro qualcuno. E ti viene da chiederti 'ma non è che quell'editore fa quella campagna per propri interessi?'", ha detto Luigi Di Maio a DiMartedì. "Dovete ammettere quando dite una bugia", ha attaccato il leader M5s. "Dovreste farlo anche voi - ha ribattuto Calabresi - quando le balle le dice il governo, come la mettiamo?".

Ecco il video del confronto a DiMartedì tra Mario Calabresi e Luigi Di Maio

Di Maio si è poi soffermato sulla vicenda che coinvolge il padre, rispondendo al video di Maria Elena Boschi: "Quando ho lavorato per l'azienda di mio padre ero segnato regolarmente con un contratto ed esibirò tutti i documenti del caso. Se mio padre ha sbagliato dieci anni fa prendo le distanze da quel comportamento - ha ribadito - non da mio padre a cui voglio bene. Io non ero a conoscenza di questo fatto, se lo avessi saputo non l'avrei tenuto nascosto". "Avrei fatto come la Boschi se avessi utilizzato l'Ispettorato del lavoro, che è competenza del mio ministero, per coprire mio padre", ha aggiunto il vicepremier. "Io posso chiedere a un padre cosa ha fatto nella vita, ma non sempre i padri lo dicono ai figli. Detto questo non voglio scaricare mio padre", ha concluso.

Boschi al padre di Di Maio: "Non le auguro il fango che suo figlio ha gettato sulla mia famiglia" 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Calabresi-Di Maio, che scintille in tv: "Avete querelato mio padre, morto 46 anni fa"

Today è in caricamento