rotate-mobile
Sabato, 13 Agosto 2022
Politica Italia

Il ministro Calenda contro le elezioni anticipate: "Un suicidio per l'Italia"

Un governo dimissionario è un lusso che l'Italia non può permettersi: troppi e troppo importanti gli appuntamenti che aspettano il paese, "ineludibili" secondo il ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda che guarda con paura gli indici dei mercati

"Il sistema industriale italiano tra il 2007 e il 2014 ha perso il 25% del potenziale, andare alle elezioni a giugno o peggio ad aprile rappresenta a mio avviso un serio rischio per la tenuta del Paese". Lo afferma in una intervista al Corriere della Sera il ministro per lo Sviluppo economico Carlo Calenda che, parlando "a titolo personale", spiega che il rischio c'è "perché di qui ad allora il governo avrà una serie di appuntamenti ineludibili".

"Bisognerà attuare le iniziative per stabilizzare il sistema bancario - ricorda il ministro -, andrà implementato il piano Minniti sull'immigrazione per fronteggiare gli sbarchi estivi, andrà impostato il lavoro sulla ricostruzione nelle aree terremotate, andranno fronteggiate alcune difficili e fondamentali crisi industriali. Pensare di gestire tutto ciò e molto altro con un esecutivo dimissionario, nel mezzo di una campagna elettorale, mi pare un azzardo". "Il vero tema - osserva Calenda - è mettere in sicurezza il Paese e le riforme fatte dal governo Renzi".

Un dato positivo invece viene dall'export che ha raggiunto cifre record. Secondo le proiezioni del ministero il 2016 e considerato che nel periodo gennaio-novembre del 2016 siamo già sopra quota 380 miliardi. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il ministro Calenda contro le elezioni anticipate: "Un suicidio per l'Italia"

Today è in caricamento