Calenda anticipa Renzi e apre la scissione nel Pd: "Nuovo movimento liberal-progressista"

Il patto col M5s manda in stracci il Pd. Calenda trasforma SiamoEuropei in movimento politico. L'ex ministro annuncia: "A dicembre inizia il tesseramento". Poi attacca Orlando: "Alcuni cambiano i principi per il partito"

L'eurodeputato Carlo Calenda ha lasciato il Pd (Foto Ansa)

Carlo Calenda rispettando quanto aveva annunciato - caso strano tra chi masticando politica si imbatte nella coerenza - apre la scissione dal Partito Democratico trasformando SiamoEuropei in un movimento politico.

"Il cambio dello Statuto sarà depositato nei prossimi giorni" annuncia l'ex ministro dello sviluppo economico che prepara "la nascita di un movimento politico liberal-progressista".

"Non possiamo lasciare i riformisti senza una casa"

Il casus belli è noto, ovvero la nascita del nuovo governo frutto dell'accordo del Pd con il Movimento 5 stelle e Liberi e Uguali.

"Ho combattuto questa alleanza con tutte le mie forze. La composizione del Governo, con la Presidenza del Consiglio e i Ministeri degli Esteri, del Lavoro, dell'Istruzione, dello Sviluppo economico, dell'Ambiente in mano ai 5S e la Sanità in mano a LeU, dimostra che il Pd ha rinunciato anche a lavorare seriamente sulle priorità (Istruzione, Sanità e Investimenti digitali e ambientali), condivise nella Direzione del Pd del 26 luglio. Tutto ciò è per me inspiegabile".

Calenda caldeggia la nascita di un movimento politico liberal-progressista. "Sarà prima di tutto -spiega Calenda- un lavoro di produzione di idee e di mobilitazione di classe dirigente. Un impegno serio che richiederà tempo. Nei prossimi giorni depositeremo il cambio dello Statuto trasformando SiamoEuropei in un movimento politico. Ragioneremo sull'opportunità di cambiare nome. A dicembre faremo partire il tesseramento".

Il primo a seguire l'eurodeputato è l'ex direttore dell'istituto superiore di sanità, Walter Ricciardi, a cui sarà affidato il primo progetto tematico incentrato sulla sanità- 

"Inizia oggi un percorso lungo e difficile. Non era nei piani. Ci siamo sempre battuti per costruire un Fronte repubblicano ampio e coeso a difesa dei valori liberal democratici. Avremmo preferito un'altra strada. Ma questa non ci spaventa. Anzi".

Dopo l'annuncio il primo scontro con il vicesegretario del Pd, Andrea Orlando, con cui Calenda aveva condiviso il partito fino a pochi giorni fa. I toni sono da fratelli coltelli.

calenda orlando scissione pd-2

Se il vicesegretario dem rivendica la nomina del presidente del Pd Paolo Gentiloni come commissario Europeo, Calenda saluta gli ormai ex compagni di partito citando Churchill: "Alcuni uomini cambiano partito per amore dei loro principi; altri i loro principi per il partito".

Guarda anche

Alitalia costa agli Italiani altri 600 milioni di euro, per il Governo un "atto di responsabilità"

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Il prestito ponte concesso ad Alitalia è di 600 milioni, per sei mesi, "il massimo che si poteva fare" spiega il ministro dello sviluppo economico Carlo Calenda

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Temptation Island Vip 2019: puntate, coppie e tutte le anticipazioni

  • Estrazioni Lotto, SuperEnalotto e 10eLotto di giovedì 12 settembre 2019: i numeri vincenti

  • SuperEnalotto, estratto il 6 da 66 milioni di euro. I numeri vincenti e le combinazioni di Lotto e 10eLotto

  • Estrazioni Lotto, SuperEnalotto e 10eLotto di oggi sabato 14 settembre 2019: i numeri vincenti

  • Oroscopo Paolo Fox, la classifica della settimana dal 16 al 22 settembre 2019

  • Assegno unico: dopo il reddito di cittadinanza allo studio un'altra misura per chi è senza lavoro

Torna su
Today è in caricamento