rotate-mobile
Lunedì, 26 Febbraio 2024
Politica Italia

Nessuno vota con i 5 Stelle la legge taglia-stipendi, Grillo: "Piaceva pure al Papa"

Come anticipato da Today.it torna in Commissione a Montecitorio la proposta che dimezzava l'indennità dei parlamentari. Esplode la rabbia in piazza: "Buffoni, vergogna". Beppe Grillo: "PD ha votato per affossare la nostra proposta #renzinonnasconderti"

L'aula della Camera ha approvato, con 109 voti di differenza, la proposta di rinvio in commissione della proposta di legge sul taglio degli stipendi dei parlamentari presentata dal Movimento 5 stelle. Contro la proposta, lanciata da Lorenzo Dellai capogruppo di Democrazia solidale - Centro democratico e sostenuta dal Pd, si erano pronunciati, oltre al M5S, i gruppi di sinistra italiana, di Forza Italia e di Fratelli d'Italia.

Subito dopo il voto in piazza Montecitorio è iniziata una protesta degli attivisti pentastellati al grido: "Buffoni, vergogna". Applausi e urla sarcastiche da parte del leader del M5S che ha assistito al dibattito in aula. In piazza Di Battista: "Sono indignato"

Deputati e senatori paperoni d'Europa: ecco tutti gli stipendi della "casta" 

Costi della politica, rigettata la legge taglia-stipendi

Il leader M5s Beppe Grillo ha seguito dalla tribuna ospiti la seduta "marcato a uomo" dai commessi rompendo il protocollo alle parole di Rosato: Il capogruppo Pd alla Camera è proprio sotto la tribuna dove siede Grillo ed è quando viene chiamato in causa, invitato sostanzialmente a fare pulizia in casa propria, che Grillo gli urla almeno un paio di volte: "Bravo! Bravo!", allungando il collo, con un'espressione chiaramente divertita sul viso. Per il capogruppo Pd "è chiaro il motivo del perché avete messo adesso in calendario la proposta, per poter motivare il No al referendum costituzionale, ma noi in coerenza i parlamentari, che sono troppi, li vogliamo ridurre voi volete solo dimezzargli la paga".

Roberta Lombardi facile profeta: "Parlamentari già al lavoro per affossare la mia proposta di legge" 

Giusto davanti l'ingresso principale della Camera ci sono i militanti pentastellati. In piazza Montecitorio si alza il grido: "Buffoni, vergogna". Entrando alla Camera dei Deputati il capo politico dei 5 Stelle aveva scherzato: "Sono sicuro che diranno di sì, tutti, anche il Pd. E io li abbraccerò uno ad uno. Non è una legge per tagliare - ha aggiunto - è un atto di buona volontà. Anche la Chiesa è contenta, pensate il Papa come sarebbe contento...". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nessuno vota con i 5 Stelle la legge taglia-stipendi, Grillo: "Piaceva pure al Papa"

Today è in caricamento