Domenica, 18 Aprile 2021
Italia

Berlusconi-Salvini, prove d'intesa: ecco cosa resta del centrodestra

Riunione ad Arcore tra il leader di Forza Italia e il vicepremier Matteo Salvini: verso lo sblocco del nodo della presidenza Rai mentre si tratta su nomi e temi per l'alleanza con Meloni in vista delle prossime elezioni, comunali ed europee

Silvio Berlusconi saluta i partecipanti all'incontro politico tenutosi nella sua villa di Arcore tra cui il ministro dell'Interno Matteo Salvini. Arcore, 16 Settembre 2018. ANSA/FLAVIO LO SCALZO

Tutto rinviato ad un nuovo incontro, da tenersi anche con la presenza di Giorgia Meloni e Fratelli d'Italia. L'incontro di ieri sera ad Arcore tra Matteo Salvini e Silvio Berlusconi non è stato risolutivo: per stabilire un rilancio dell'alleanza di centrodestra si dovrà ancora attendere.

Vertice di Arcore, cosa è stato deciso

Nelle due ore di colloquio (con sullo sfondo la partita del Milan), si sono messi sul tappeto i temi, soprattutto quelli cari a Forza Italia, su cui il leader leghista dovrà dare assicurazioni se vorrà sbloccare l'impasse sul presidente della Rai e ottenere il via libera degli azzurri a Marcello Foa.

Per Berlusconi, Foa può andare bene, ma prima servono assicurazioni sui contenuti della politica economica del governo e della prossima legge di bilancio. Dunque flat tax "vera", e un freno agli attacchi M5s sul fronte delle tv, dopo l'intervista di Vito Crimi che ipotizzava tetti alla raccolta pubblicitaria, contributo di solidarietà dalle concessionarie pubblicitarie, stop agli investimenti in pubblicità delle aziende pubbliche.

E ovviamente serve l'accordo sulle prossime elezioni amministrative con il riconoscimento del peso politico di Forza Italia e la conferma di un centrodestra unito in tutte le regioni. Sullo sfondo anche le elezioni europee del prossimo maggio a cui potrebbe prendere parte anche Silvio Berlusconi come candidato del PPe.

Ma le risposte dalla Lega ancora non arrivano, perchè Salvini insiste nel tenere separati il piano del governo nazionale e quello delle amministrative, ribadendo che la prospettiva del governo con il M5s è di legislatura. Il contrario di quello che pensa Antonio Tajani, presente anche lui ieri sera ad Arcore insieme al leghista Giancarlo Giorgetti, che stamane in radio si è detto convinto che "il governo non potrà durare" e che Salvini deve "staccarsi" dai Cinque Stelle e "tornare a casa".

Tajani: " Lega torni ad essere parte integrante del centrodestra"

"Non si è parlato di Rai ma del futuro del centrodestra e del rapporto Lega-Fi. Ci sarà un incontro nei prossimi giorni tra Cav, Salvini e Meloni". Così a Rtl 102.5 il vicepresidente di Forza Italia Antonio Tajani.

"Non si è parlato di Rai. Noi lavoriamo per un governo di centrodestra. Non sono compatibili con flat tax e reddito cittadinanza. Non abbiamo preso nessuna decisione e nessuna decisione sui nomi", ha aggiunto. "Io scommetto che questo governo non durerà 5 anni. Non penso che Lega e M5S potranno continuare ad andare insieme. Sono troppi diversi, si vedono i contrasti ogni giorno. Non mi pare una coalizione che avrà vita lunga"

Continua a leggere su Today.it

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Berlusconi-Salvini, prove d'intesa: ecco cosa resta del centrodestra

Today è in caricamento