Lunedì, 25 Ottobre 2021
Politica Italia

A bloccare l'alleanza di centrosinistra è solo Renzi: "Per Mdp non può essere candidato premier"

Il segretario del Pd ha dato incarico a Piero Fassino di trovare una quadra con le forze del centrosinistra ma il presidente della Toscana, Enrico Rossi, fondatore di Mdp, lo fredda: "Renzi rinunci solennemente a Palazzo Chigi"

Psicodramma nel centrosinistra alla ricerca di una quadra nella sofferta ricucitura tra il Partito Democratico e gli scissionisti di Mdp. Ed è proprio uno dei fondatori di Mdp a rifilare all'ex premier la prima doccia fredda di giornata: "Renzi rinunci solennemente a Palazzo Chigi, questo agevolerebbe la discussione" ha ribadito il presidente della Toscana, Enrico Rossi, a Omnibus su La7.

"Non c'è un problema di abiure e Renzi è segretario del Pd con 1,2 milioni voti. Se dicesse di fare un passo di lato e di non considerarsi candidato alla Presidenza del Consiglio, visto che è divisivo e lo dicesse in modo solenne, questo potrebbe agevolare la discussione".

"Non ho voluto dare alcuna doccia fredda", ha proseguito Rossi per il quale "il confronto va fatto prima di tutto nel merito.
Bisogna capire bene i punti programmatici. Il tema del lavoro è serissimo, e sarebbe opportuno dare un segnale sulle tutele relative ai licenziamenti disciplinari. Il governo dovrebbe preoccuparsi, concertando coi sindacati, una soluzione per l'età pensionabile. Si fa così, se si vuole costruire un'alleanza di centrosinistra che sia credibile. Nel Paese centrodestra e M5S a ogni tornata elettorale avanzano", ha concluso Rossi.

Renzi schiera Fassino come mediatore

"Io ci ?provo ad andare avanti insieme...", ha risposto Matteo Renzi a un militante che lo invitava a riunire le forze del centrosinistra e non consegnare il Paese a Silvio Berlusconi. "Noi abbiamo messo una garanzia, Fassino è una garanzia, se non ci riesce lui...?".

Fassino, a quanto si apprende, avrebbe sentito per telefono anche D'Alema per sondare la disponibilità ad un'intesa e l'ex segretario dei Ds gli avrebbe detto di affrontare l'argomento col coordinatore di Mdp Speranza aggiungendo che, a suo avviso, il percorso (iniziato con la scissione Ndr) è ormai tracciato. Intanto proseguono i colloqui avviati da Fassino con gli esponenti delle forze di centrosinistra. Oggi gli incontri con Psi, IdV e Democrazia solidale. Da tutti, ha detto, ho ricevuto "piena disponibilità" a lavorare insieme per un'alleanza "larga, unita e inclusiva".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A bloccare l'alleanza di centrosinistra è solo Renzi: "Per Mdp non può essere candidato premier"

Today è in caricamento