rotate-mobile
Mercoledì, 19 Giugno 2024
Politica

"Condanne più dure per femminicidi e violenza sulle donne": l'annuncio del M5s

Il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede (M5s): "C'è un dramma culturale e sociale che si consuma ogni giorno, la risposta non deve essere nelle parole ma nei fatti"

In arrivo pene più dure per le violenze sessuali, per i maltrattamenti in famiglia e lo stalking. ''Perché, per stare dalla parte delle donne, non servono le parole, ma i fatti''. E' quanto afferma il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede in una intervista a Repubblica nell'ambito della quale annuncia il prossimo pacchetto di misure anti violenza.

Femminicidi e violenza sulle donne, dramma quotidiano

"Su un tema così importante, su cui c'è un dramma culturale e sociale che si consuma ogni giorno, la risposta non deve essere nelle parole ma nei fatti. Io e la mia maggioranza abbiamo il dovere di dare una risposta netta per tutelare le donne. E la risposta il legislatore deve darla con le leggi e con i fatti", spiega il ministro ricordando che "in questi giorni è in discussione in Parlamento il cosiddetto codice rosso, scritto a quattro mani con Giulia Bongiorno. Ma - prosegue - adesso M5S aggiungerà un pacchetto di poche norme che serviranno per dare una prima risposta immediata a questo dramma culturale e sociale. Norme su cui mi auguro si raggiunga l'unanimità".

Femminicidi, il silenzio degli orfani: quando la violenza colpisce l’anima dei bambini 

ansa femminicidio-3

Bonafede: "Aumento di pena per il reato di violenza sessuale"

"Il codice rosso è un pacchetto di norme blindato - osserva Bonafede - e già segna una svolta importante perché la donna che trova il coraggio di denunciare viene presa per mano subito dallo Stato, attraverso magistratura e forze dell'ordine. Ma M5S vuole aggiungere un pacchetto, tra cui l'aumento di pena per il reato di violenza sessuale. Anziché 5-10 anni passiamo a 6-12. Altri aumenti sono previsti per i maltrattamenti in famiglia e lo stalking in modo, nei casi gravi, di dare termini più lunghi per le fasi cautelari e quindi proteggere la vittima". Sul convegno di Verona sulla famiglia il ministro rivela che "non ci andrei mai, lì qualcuno ha le lancette dell'orologio indietro di qualche secolo".

A Verona un congresso per riportare indietro l'orologio della storia e dei diritti 

femminicidio-8

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Condanne più dure per femminicidi e violenza sulle donne": l'annuncio del M5s

Today è in caricamento