rotate-mobile
Mercoledì, 18 Maggio 2022
Il giorno del voto

Conte strappa i 5 stelle: "Lascio il Movimento se..."

Il 27 e 28 marzo gli attivisti M5s votano per confermare Giuseppe Conte come presidente. E l'ex premier alza il tiro: "Ecco come sarà il nuovo Movimento"

"Chiedo nuovamente la vostra fiducia, e non mi interessa il 50,1 per centro dei voti. Anzi, vi dico che se il risultato fosse così risicato sarei il primo a fare un passo indietro. In caso di risultato così di misura lascerei il Movimento che ha bisogno di una leadership forte, di una forte investitura. Ma in caso di una decisa di riconferma le cose inevitabilmente cambieranno". Lo afferma in un video diffuso sui social il presidente del M5s Giuseppe Conte, in vista del voto del 27 e 28 marzo per confermare il suo ruolo di presidente del Movimento e la nuova struttura del M5s.

Un nuovo voto dopo il ricorso presentato da alcuni attivisti che hanno invalidato la precedente elezione dell'ex premier che chiarisce che se diverrà presidente, il M5s dirà no all'aumento delle spese militari chiesto dal governo. Al contrario, "se mi accorderete nuovamente una fiducia piena, sarò il presidente di un M5s orgoglioso della propria diversità e valori, in prima fila per l'inclusione e la giustizia sociale, sarò il presidente di un Movimento che tiene salda la sua cultura di governo ma che non dovrà mai perdere l'attenzione per chi non viene più ascoltato da nessuno. Diremo no all'aumento massiccio delle spese militari e sì a un investimento shock per le rinnovabili e la transizione energetica, sì a un impegno dello Stato senza precedenti sul sostegno a lavoratori e imprese in crisi". Conte promette "un movimento che lotta per i lavoratori con paga da fame e aspettano la legge sul salario minimo, che non fa spallucce di fronte a dilagare di contratti precari di un mese: non è questa l'Italia che vogliamo. Un movimento che lascia le centrali nucleari e il carbone fuori dai nostri programmi di sviluppo, un movimento preoccupato e indignato per le operazioni rinviate negli ospedali. Un movimento che garantisca ai giovani la protezione sociale per vivere con dignità. Oggi all'Italia serve il M5s, la forza della sua comunità. Nessuno sarà lasciato indietro e per questo serve il voto di ciascuno di voi".

Il nuovo M5s: il programma di Conte

"In questi mesi di governo di emergenza abbiamo difeso le nostre conquiste, ma non basta più rimanere sulla difensiva. Sono disposto a correre il rischio di avere tutti contro se questo servirà a fare gli interessi dei cittadini. Ma dobbiamo essere uniti e coraggiosi per rialzare la testa e imporre il cambiamento al Paese - afferma Giuseppe Conte - Se mi accorderete la fiducia piena sarò il presidente di un Movimento orgoglioso della sua diversità, che dice no a un aumento massiccio delle spese militari, soprattutto in un momento del genere".

Poi fortissima l'accusa ai dissidenti interni al Movimento: "Cè chi rema contro per propri interessi personali - accusa Conte - non votatemi se pensate che il M5s debba stare nelle stanze dei bottoni, se pensate che il M5s debba diventare una forza politica estremamente moderata, conservatrice, che debba piacere a tutti anche a costo di essere la brutta copia di altri partiti tradizionalmente divisi in correnti".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Conte strappa i 5 stelle: "Lascio il Movimento se..."

Today è in caricamento