Martedì, 23 Luglio 2024
le mosse

Cosa farà il Movimento 5 Stelle dopo le dimissioni di Draghi

Il Movimento ha messo in crisi il governo Draghi: come si comporterà ora Giuseppe Conte

Con il mancato voto al decreto legge Aiuti, il Movimento 5 Stelle ha causato una crisi di governo che ha portato Mario Draghi a presentare le dimissioni al presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Il capo dello Stato ha rigettato le dimissioni di Draghi invitandolo a presentarsi in Parlamento, mercoledì, per "parlamentalizzare" la crisi e verificare la reale fiducia dei partiti nel governo. Non si sa se Draghi insisterà con le dimissioni o accetterà una seconda possibilità. Come si comporterà invece il Movimento 5 Stelle, artefice di questa crisi?

"Nervi tesi" al Consiglio nazionale del Movimento

Dopo le dimissioni di Mario Draghi si è tenuta una riunione del Consiglio nazionale del Movimento 5 Stelle. L'Adnkronos ha parlato di nervi tesi registrati all'interno dell'incontro durato quasi tre ore. Il silenzio stampa post-riunione è stato assoluto, ma alcuni presenti hanno raccontato di momenti di grande tensione, "meglio dormirci su, sennò finiva male", taglia corto uno dei partecipanti lasciando l'incontro. 

è stato invece di poche parole il leader del Movimento Giuseppe Conte, che ha lasciato la sede di via di Campo Marzio inseguito dai cronisti rilasciando poche parole: "Ci siamo confrontati e abbiamo preso atto delle dimissioni del presidente Draghi. Ha preso questa decisione e ne prendiamo atto. Ci aggiorniamo domani",ha detto Conte, glissando alla domanda su un eventuale fiducia a Draghi mercoledì prossimo.

Cosa farà ora il Movimento 5 Stelle

Il Movimento 5 Stelle ha dato inizio alla crisi di governo, non votando il decreto legge Aiuti e facendo venire meno la fiducia politica nel governo, che tuttavia continua ad avere i numeri per governare. Come detto però dallo stesso presidente del Consiglio Mario Draghi nel comunicato che ha preceduto le sue dimissioni:

La maggioranza di unità nazionale che ha sostenuto questo governo dalla sua creazione non c’è più.
È venuto meno il patto di fiducia alla base dell’azione di governo.

Non si possono conoscere le prossime mosse del Movimento, anche perché probabilmente neanche il Movimento stesso sa quale direzione politica prenderà. L'alba della crisi è iniziata prima del mancato voto al decreto Aiuti, con la scissione interna causata dall'uscita dal Movimento del ministro degli Esteri Luigi Di Maio che ora rimbalza la responsabilità al suo antagonista, Giuseppe Conte: "Il partito di Conte un po' coscientemente, un po' incoscientemente ha provocato la crisi dell'Italia - ha detto Di Maio - Io credo che in qualche modo si stesse pianificando questa crisi da tanto tempo. Però io lo chiamo il partito di Conte perché quello non è più il Movimento 5 Stelle, mi dispiace dirlo, ma noi eravamo un movimento che era nato da una serie di battaglie sociali, si doveva istituzionalizzare per fare le riforme che servivano al paese dal governo, non picconare il governo".

Cosa succede ora che Mattarella ha rigettato le dimissioni di Draghi

Ricostruzioni di stampa da fonti parlamentari presentano il Movimento diviso: il dilemma è se votare o meno la fiducia di mercoledì, posto che serva a qualcosa. Il capogruppo alla Camera del Movimento 5 Stelle Davide Crippa, rispondendo a chi chiedeva se mercoledì il Movimento fosse stato disponibile a votare la fiducia a Mario Draghi, ha detto: "Ne discutiamo ampiamente". Le discussioni sembrano quindi riaperte e la tensione nella riunione del Consiglio nazionale potrebbe confermarle. D'altronde era stato lo stesso ministro per i Rapporti con il Parlamento Federico D'Incà che in mattinata - prima del voto sul dl Aiuti - aveva sondato la volontà dei partiti per evitare il voto di fiducia sul dl Aiuti e approvare invece il provvedimento articolo per articolo. Verso l'altro voto, quello di mercoledì, il Movimento potrebbe dunque tornare a dividersi. 

Tutti i parlamentari di Di Maio: chi sono i governisti che potrebbero uscire dal M5s

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cosa farà il Movimento 5 Stelle dopo le dimissioni di Draghi
Today è in caricamento