Mercoledì, 25 Novembre 2020

Crisi di governo in stand-by, confronto tra Renzi e Conte rimandato

Prima l'emergenza coronavirus poi il chiarimento tra Italia Viva e il premier.

L'annunciato incontro tra il presidente del Consiglio Giuseppe Conte e Matteo Renzi è "rimandato", a causa dell'emergenza coronavirus. Lo ha fatto sapere lo stesso leader di Italia Viva, Matteo Renzi che avrebbe dovuto affrontare col premier quattro questioni: il piano Italia shock, elezione diretta del premier, prescrizione e modifica del reddito di cittadinanza.

"Noi siamo a fianco del governo, in questo momento così delicato, dobbiamo lavorare tutti insieme" ha fatto sapere Renzi.

Intanto il Parlamento continua a lavorare - tra mille difficoltà - in discussione il decreto intercettazioni e l'ultimo passaggio del 'milleproroghe'.

A partire da domani il premier Giuseppe Conte vedrà ogni mattina alle 10, nella sede della Protezione Civile, il Capo della Protezione Civile Angelo Borrelli, i ministri e i governatori di tutte le Regioni italiane, dunque non solo quelle alle prese con i contagi da coronavirus. La decisione, che è stata comunicata a tutti i ministri dalla segreteria della presidenza del Consiglio, è stata assunta da Conte, con l'obiettivo di assicurare il massimo coordinamento.

Le condizioni di Renzi a Conte

"Non chiediamo nomine o sottosegretariati: chiediamo che ascoltino (anche) le nostre idee" aveva spiegato il leader di Italia Viva in un post su Facebook settimana scorsa.

Quattro i temi portati avanti da Renzi, per una partita da dentro/fuori: "Se sui contenuti siamo lontani, è giusto che tocchi ad altri". Ma quali erano appunto le condizioni?

Nella enews settimanale del senatore fiorentino vengono spiegati i "4 punti fondamentali di Italia Viva" per proseguire l'esperienza di Governo:

Quanto alla giustizia, il tema è sempre quello della prescrizione che - di fatto - ha aperto la crisi con l'annuncio di una mozione di sfiducia per il ministro Bonafede "reo" di aver firmato la riforma che interrompe i termini di prescrizione dopo la sentenza di primo grado, sia in caso di assoluzione che di condanna.

Per quanto riguarda l'economia Renzi chiede a Conte di sbloccare i cantieri delle opere pubbliche nominando i commissari, sulla falsariga dell'expo.

Se sulle Istituzioni e sulla richiesta di elezione diretta del premier il discorso andrà allargato alla riforma della legge elettorale, è sul reddito di cittadinanza che ci si attende lo scontro più importante in maggioranza. Italia Viva contesta l'impatto del sussidio e la mancata partenza della fase 2, ovvero la capacità di creare lavoro. "O si cambia o si elimina, perché così non va". Su questo però ci si attende le barricate già annunciate dai 5 stelle. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Crisi di governo in stand-by, confronto tra Renzi e Conte rimandato

Today è in caricamento