Mercoledì, 28 Luglio 2021
Politica

Il ddl Concorrenza è legge: dalle assicurazioni alle pensioni, ecco cosa cambia

Con 146 voti a favore e 113 contro, il provvedimento ha ricevuto il via libera dall'Aula del Senato, dopo due anni e mezzo di polemiche e scontri. Maxi bollette rateizzate, preventivo dell'avvocato e anagrafe dei distributori, sono soltanto alcune delle novità presenti nel testo che riguardano molto da vicino i consumatori

Foto di repertorio

Dopo due anni e mezzo fatti di scontri, tira e molla e discussioni, dall'Aula del Senato è arrivata la fiducia al ddl Concorrenza con 146 sì e 113 no. Anche durante il voto odierno non sono mancate le polemiche, con il presidente della commissione Industria, il senatore del Pd Massimo Mucchetti, che ha disertato la votazione perché in disaccordo con proprio gruppo. Vediamo nel dettaglio cosa cambia con l'entrata in vigore di questo provvedimento:

Assicurazioni

Il testo prevede maggiori sconti per le polizze di Rc Auto a vantaggio di chi istalla la scatola nera e non ha avuto incidenti stradali negli ultimi quattro anni. Sconti validi anche per i 'virtuosi' che risiedono in una Regione in cui si verifica un alto numero di sinistri stradali. Invece, per quanto riguarda le misure anti-frode, il provvedimento lascia all'Ivass, l'Istituto di vigilanza sulle assicurazioni,  il compito di determinare le disposizioni da adottare.

Poste

A partire da settembre 2017  l'esclusiva sulla spedizione di atti giudiziari e di notifica delle sanzioni non sarà più di Poste Italiane. Stesso destino anche per i servizi relativi alle notificazioni delle violazioni del codice stradale.

Pensioni 

Il provvedimento prevede alcune modifiche nella disciplina delle forme pensionistiche complementari. La novità più importante è l'introduzione del diritto all'anticipo della prestazione nel caso di cessazione dell'attività lavorativa, così come i riscatti della posizione individuale maturata e del relativo regime tributario.

Telefonia e PayTv

Verranno semplificate le procedure per la mobilità della domanda per quanto riguarda le pay-tv, la telefonia mobile, fissa e le connessioni internet. Le semplificazioni riguardano anche le modalità di recesso o di passaggio ad un diverso operatore, con la garanzia di poter recedere o cambiare per via telematica.

Gas ed energia elettrica

Per le maxi bollette i fornitore dei servizi di energia e gas saranno obbligati a rateizzare le fatture con importi elevati, dovute a interruzioni della fatturazione o a ritardi. L'obbligo di rateizzazione viene meno nel caso in cui il conguaglio sia imputabile a cause riconducibili all'utente a cui è intestata la fornitura. 

Carburanti

Per aiutare i consumatori e garantire una maggiore trasparenza verrà creata un'anagrafe degli impianti stradali di distribuzione di benzina, gasolio, Gpl e metano. La lista comprenderà sia i distributori presenti sulle strade che quelli sulla rete autostradale.

Avvocati e notai

Per garantire maggiore trasparenza e concorrenza nella professione forense, gli avvocati avranno la possibilità di far parte di più associazioni professionali. La norma prevede l'obbligo da parte del legale di presentare un preventivo al cliente, anche se non richiesto da quest'ultimo, in forma scritta e presentando tutte le voci di spesa. Discorso simile per la professione notarile, con una maggiore trasparenza e concorrenza soprattuto nei criteri che determinano il numero di notai e la distribuzione sul territorio nazionale.

Le farmacie

Contrariamente a quanto successo fino ad oggi, le farmacie potranno diventare delle società di capitali, ma non dovranno valicare il tetto massimo del 20% su base regionale. I farmaci di fascia C (quelli a carico del cittadino e con obbligo di ricetta) potranno essere venduti solo in farmacia. Novità anche per gli orari e i periodi d'apertura: le farmacie  convenzionate con il Servizio sanitario nazionale potranno rimanere aperte anche dopo l'orario di chiusura e fuori dai turni stabiliti, ma per farlo dovranno inviare una comunicazione ufficiale alle autorità competenti. 

I commenti

Il ministro dello Sviluppo Economico, Carlo Calenda, ha manifestato subito la sua soddisfazione dopo l'ok del Senato al ddl Concorrenza: "Per la prima volta è stata approvta in Italia la legge annuale per il mercato e la concorrenza. E' stato un iter travagliato, ma adesso abbiamo dato un segnale di serietà al Paese".

"Il provvedimento - ha concluso Calenda - introduce significative novità in tema di assicurazioni, professioni, energia, comunicazioni, ambiente, trasporti, turismo, poste, banche e farmacie con l’obiettivo di stimolare la crescita e la produttività e consentire ai consumatori di avere accesso a beni e servizi a minor costo”.

Di tutt'altra opinione i senatori del Movimento 5 Stelle Gianni Girotto e Gianluca Castaldi, membri della commissione Industria del Senato. I due hanno espresso le loro perplessità attraverso una nota scritta: "Il ddl approvato oggi concede agevolazioni ai poteri forti  che vanno a discapito dei cittadini, oltre a contenere una serie di favori per lobby e authority".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il ddl Concorrenza è legge: dalle assicurazioni alle pensioni, ecco cosa cambia

Today è in caricamento