rotate-mobile
Giovedì, 29 Febbraio 2024
La giornata

Il decreto legge anti rave arriva in Senato

Si va verso l'elezione dei presidenti delle commissioni permanenti. Lo ha detto la vice presidente del Senato Mariolina Castellone

È ancora al centro della polemica politica il nuovo decreto legge sui rave party che oggi è arrivato al Senato. La maggioranza di governo ha sessanta giorni di tempo per tramutarlo in legge. Pena la decadenza della norma stessa che, nel frattempo però, è operativa a tutti gli effetti. 

La decisione del governo Meloni contro i rave fa parte del primo decreto che contiene una serie di questioni, fra cui anche il reintegro dei medici no vax e il carcere ostativo. Il titolo del Dl dice tutto: "Misure urgenti in materia di divieto di concessione dei benefici penitenziari nei confronti dei detenuti o internati che non collaborano con la giustizia, nonché in materia di entrata in vigore del decreto legislativo 10 ottobre 2022, n. 150, di obblighi di vaccinazione anti Covid e di prevenzione e contrasto dei raduni illegali". 

Il grosso della polemica però riguarda la parte che vuole impedire i raduni di almeno cinquanta persone. Dall'opposizione l'hanno giudicata una norma liberticida perché rischia di andare a intaccare anche le manifestazioni politiche e di dissenso, come per esempio le occupazioni delle scuole. Tanto che è lo stesso governo ad aver frenato, dichiarandosi intenzionato a circoscrivere la fattispecie di reato con i lavori parlamentari, in modo da renderla efficace solo in riferimento ai raduni dedicati alla musica techno, solitamente in aree occupate abusivamente e con rischi per la sicurezza dei presenti. Sotto la lente anche il minimo e il massimo delle pene previste dalla legge perché, con i sei anni di carcere previsti dalla norma, sono ammesse le intercettazioni. La cosa fa storcere il naso non solo alle opposizioni ma anche a una parte del governo. Tanto che oggi è stato proprio il ministro degli Interni Matteo Piantedosi a dire che "basterebbe portare la pena sotto i cinque anni". 

Verso la formazione delle commissioni 

Intanto si va verso la formazione delle Commissioni permanenti a Palazzo Madama. Le ha convocate proprio oggi la vice presidente del Senato Mariolina Castellone. Appuntamento per mercoledì 9 novembre alle ore 10,30. Alle ore 12 sono invece previste le riunioni per eleggere i presidenti delle stesse. Per questo entro domani, i gruppi "dovranno far pervenire alla presidenza le designazioni dei propri rappresentanti" per le commissioni permanenti, la Giunta delle elezioni e delle immunità parlamentari e il Comitato della legislazione. Inoltre il Parlamento in seduta comune è convocato il 13 dicembre, alle 16, per l'elezione dei dieci componenti del Consiglio superiore della magistratura. 

I rave party diventano reato: cosa prevede il decreto Piantedosi

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il decreto legge anti rave arriva in Senato

Today è in caricamento