Dallo 'spazza clan' alle nuove assunzioni: cosa c'è nel decreto sicurezza bis

Molte le novità nella misura composta da dodici articoli: cambia anche il codice di navigazione, con una norma che punta a rendere impossibile il 'lavoro' per i trafficanti di esseri umani

Matteo Salvini

Misure più aspre contro i trafficanti umani, nuove assunzioni nelle forze dell'ordine, ma anche un commissario straordinario: in un'architettura composta da dodici aticoli il Decreto legge sicurezza bis è stato completato oggi dal ministro dell'Interno Matteo Salvini. La misura, secondo le prime informazioni che giungono dal Viminale, introduce nuove norme che chiariscono le competenze dei vari dicasteri a proposito di sbarchi, inasprisce le misure contro i trafficanti di esseri umani e le sanzioni per chi aggredisce le forze dell'ordine.

Decreto sicurezza bis: le novità

Un'altra norma è la già annunciata ''spazza clan'' per smaltire l'arretrato nei tribunali. Il decreto prevede l'istituzione di un commissario straordinario e l'assunzione di 800 persone con impegno di spesa per oltre 25 milioni di euro. Permetterà di notificare sentenze ai condannati attualmente in libertà e garantire così l'effettività della pena. Tra le altre novità, il potenziamento delle operazioni sotto copertura per contrastare l'immigrazione clandestina. E non manca una novità in vista delle Universiadi 2019 a Napoli: in città arriveranno 500 militari in più.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La modifica al codice di navigazione

Ci sono anche alcune modifiche al codice della navigazione nel decreto legge sicurezza bis, completato oggi dal ministero dall'Interno. In particolare si interviene sull'articolo 83: sono abrogate le parole 'di ordine pubblico' nel primo comma che riguarda i poteri del ministro dei Trasporti e viene aggiunto un secondo comma in cui si stabilisce che ''il ministro dell'Interno può limitare o vietare il transito e la sosta di navi mercantili o unità da diporto o da pesa nel mare territoriale per motivi di ordine e sicurezza pubblica".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Heather Parisi: "La seconda quarantena a Hong Kong? Ecco come stanno davvero le cose"

  • La testimonianza di Heather Parisi dalla Cina: "Oggi possiamo uscire, ma vietati tavoli al bar"

  • Coronavirus, l'appello disperato di Linda da Londra: "Ci lasciano morire soli a casa come animali"

  • Amedeo Minghi ricoverato: "Avervi accanto è importante" (VIDEO)

  • Coronavirus, Renga: "Nella mia Brescia una tragedia, i nonni non ci sono più"

  • Storie Italiane, Luca Argentero a Eleonora Daniele: “Non sapevo fossi incinta”

Torna su
Today è in caricamento