Martedì, 27 Luglio 2021
Politica

"In tour elettorale per l'Europa a spese della Camera": scoppia il caso Di Maio

La denuncia della vice capogruppo Pd alla Camera, Silvia Fregolent: "Il parlamentare è a Londra in qualità di esponente del M5s, ma il tutto a spese della Camera". Chiesto l'intervento della presidente Laura Boldrini

Il vice presidente della Camera Luigi Di Maio con Grillo (Infophoto)

ROMA - "Luigi Di Maio va in tour politico a Londra per il Movimento 5 stelle a spese della Camera dei deputati? La presidente Laura Boldrini intervenga e chieda chiarimenti al suo vice". Lo dichiara la vice capogruppo Pd alla Camera Silvia Fregolent.

"INCASTRATO" DA DI BATTISTA? - "Ieri - denuncia la Fregolent - Alessandro Di Battista, membro del direttorio M5s e quindi certamente informato delle attività del suo partito, ha dichiarato che Luigi Di Maio in questi giorni è a Londra 'in qualità di esponente della seconda forza politica del Paese' e che il viaggio serve per dare il via a un tour politico dell'esponente M5s nelle capitali europee". Oggi, però, "si scopre che la visita di Di Maio avviene a spese della Camera, nell'ambito di una missione istituzionale per conto del Comitato di vigilanza sull'attività di comunicazione della Camera, un comitato peraltro presieduto dallo stesso Di Maio. La missione di Londra è solo la prima di una serie, poi ci saranno Parigi e Berlino. Di Maio, quindi, usa i fondi della Camera per andare all'estero a intessere rapporti, reperire fondi e fare campagna politica per il suo partito?".

LA MAIL - Come riporta Repubblica, ad annunciare il viaggio ai colleghi è stato lo stesso Di Maio, con un'email datata 5 aprile, in cui rivela le date di visita ai Parlamenti di Gran Bretagna, Francia e Germania: "Dal 19 al 21 aprile Londra (con Di Maio andrà il deputato di Fratelli d'Italia Edmondo Cirielli), 9 e 10 maggio Parigi (ci sarà il pd Sergio Boccadutri), 12 e 13 maggio Berlino". Email preceduta il 2 febbraio da un'altra lettera inviata alla segretaria generale di Montecitorio, Lucia Pagano, in cui il vicepresidente spiega: "Si prospetta l'opportunità di organizzare approfondimenti seminariali sul tema in un'ottica di comparazione con altri sistemi parlamentari dei paesi dell'Unione europea, seminari propedeutici anche allo svolgimento di eventuali missioni di studio presso i Parlamenti presi a riferimento ".  

"INTERVENGA LA BOLDRINI" - Saremmo di fronte ad un atteggiamento grave e inaccettabile, all'utilizzo dei fondi istituzionali della Camera per fini partitici", conclude la vice capogruppo Pd alla Camera. Per questo "è necessario che la presidente Laura Boldrini intervenga e chieda chiarimenti al suo vice".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"In tour elettorale per l'Europa a spese della Camera": scoppia il caso Di Maio

Today è in caricamento