Domenica, 11 Aprile 2021

"Scelta è tra M5s e tangentopoli": Di Maio fa infuriare Salvini (che pensa al complotto)

Ennesima lite nell'esecutivo: per il vicepremier Luigi Di Maio, "è una tangentopoli", mentre l'altro vicepremier Matteo Salvini sostiene che "vogliono impedire la nostra vittoria"

Lite (l'ennesima) nel governo tra Salvini e Di Maio. Tutta colpa dei nuovi arresti in Lombardia. Per il vicepremier Luigi Di Maio, "è una tangentopoli", mentre l'altro vicepremier Matteo Salvini sostiene che "vogliono impedire la nostra vittoria".

Arresti Lega, Salvini e "la tesi del complotto"

Secondo un retroscena del Corriere della Sera, il leader leghista "vede 'nemici potenti' nelle cancellerie europee". I nemici infatti "non sono i grillini, considerati niente più che 'uno strumento', coinvolti in un disegno che, a detta dei leghisti, mira a colpire Salvini, a logorarlo prima, isolarlo poi e infine a espellerlo dal gran ballo del potere". E "ad avvalorare la tesi del complotto hanno provveduto la chiusura della Merkel a ipotesi d'intesa in Europa con la Lega e soprattutto le parole del commissario europeo Moscovici, che da socialista confida in 'soluzioni creative' tra democratici e grillini perchè 'anche in Italia' si possa creare 'un fronte comune' contro le destre estreme".

Quella di ieri è stata una giornata che lascia scorie nel centrodestra. Il sindaco leghista di Legano, Gianbattista Fratus, è stato arrestato insieme al vicesindaco in quota Forza Italia Maurizio Cozzi e all'assessore alle Opere pubbliche Chiara Lazzarini. Arresti che scattano a pochi giorni dal terremoto sugli appalti in Lombardia e che provocano un altro scossone nel governo. L'accusa per i tre è di turbata libertà degli incanti, turbata libertà del procedimento di scelta del contraente e corruzione elettorale. In carcere finisce solo Cozzi, mentre a Fratus e Lazzarini vengono concessi i domiciliari. Il Comune è commissariato. L'inchiesta diventa il pretesto per scatenare l'ennesimo botta e risposta tra i due leader dei partiti di governo.

Corruzione, arrestati il sindaco leghista di Legnano e due assessori

Di Maio: "Il 26 maggio la scelta sarà tra noi e questa nuova tangentopoli"

Va all'attacco Di Maio: "C'è un'evidenza, ovvero che il sistema dei partiti continua ad essere fortemente inquinato, spuntano tangenti ovunque, giorno dopo giorno e la scelta in vista delle europee sembra essere sempre più chiara: il 26 maggio la scelta sarà tra noi e questa nuova tangentopoli" dice in una nota. Gli fa eco il ministro della giustizia, Alfonso Bonafede: "Non commento mai le indagini in corso - ammette - ho massimo rispetto per i magistrati che devono lavorare in pace. Rilevo che in Italia c’è una emergenza corruzione".

Altra bordate contro la Lega dal M5s: "Quando il Movimento 5 Stelle dice che è in corsa una nuova tangentopoli e che la corruzione è un male ancora in salute nel nostro Paese evidentemente non sbaglia - esordiscono -. Ma qui il problema non è avere ragione o torto, dire 'l'avevamo detto'. Gli arresti di questi giorni e i continui casi di mazzette, tangenti e corruzione che hanno investito i partiti restituiscono il volto peggiore della Politica, quella che ha determinato la sfiducia dei cittadini verso le istituzioni".

matteo salvini caffe ansa-2

E Salvini? Il leader del Carroccio però non si scompone e sembra incassare i colpi. In merito alle indagini, dice, "non commento". "Ho fiducia nei miei uomini e nella magistratura" fa sapere, dicendosi speranzoso che "tutte queste indagini che si stanno aprendo si chiudano in fretta per distinguere colpevoli e innocenti". Poi, all'ora di cena, rialza la testa e accusa: "Noto che nei confronti miei e della parte politica che rappresento c'è un attacco che non c'è mai stato negli ultimi 20 anni - sottolinea da Napoli - evidentemente abbiamo dato e stiamo dando fastidio a qualcuno. Non mi fermo, anzi, lavorerò con ancora più voglia e impegno".

Voli di Stato, Salvini ha viaggiato 19 volte sugli aerei della polizia

Berlusconi: "Non chiamatelo governo, sono una banda di incapaci"

"Con Salvini amministriamo bene molte città, lui si sta accorgendo che con i 5 stelle non può andare avanti. Quindi credo possa convincersi ad andare a nuove elezioni e a formare un governo di centrodestra". Lo ha detto Silvio Berlusconi a Dritto e Rovescio su Retequattro. Luigi Di Maio "a parlare è bravissimo ma dice solo cose sbagliate" ha aggiunto. Secondo il leader di Fi "i 5 stelle sono di sinistra, rappresentano il peggio del comunismo del secolo scorso, con un dilettantismo da paura. Sono persone che nella vita non hanno mai fatto nulla. L'87% dei parlamentari della passata legislatura non aveva mai fatto una dichiarazione dei redditi".

I 5 stelle, ha attaccato ancora Berlusconi, "sono spinti da invidia sociale, che li porta a comportamenti e proposte esiziali per il nostro benessere e la nostra libertà. Hanno attaccato i nostri diritti di libertà. Hanno trasformato la presunzione di innocenza in presunzione di colpevolezza, come dimostra il caso Siri. Ma come si fa a chiamare governo una banda di incapaci che litigano tutto il giorno?", ha concluso.

Elezioni europee 2019: i programmi dei principali partiti italiani

Di Maio: "Ultimo mandato per me, in 4 anni spero di cambiare il Paese"

"Il doppio mandato varrà solo per i consiglieri comunali: se i nostri iscritti daranno l'ok, i consiglieri comunali potranno candidarsi alla Regione o al Parlamento. Ma per persone come me o per i parlamentari non è previsto un secondo mandato". Lo ha detto Luigi Di Maio a Tribù su Skytg24.

"Cosa farò dopo? Spero in questi 4 anni di governo di aver cambiato il paese e di tornare da 36enne in un paese che accoglie i trentenne - ha risposto il leader M5s -. La carica di capo politico del M5s invece finisce un po' più tardi del ruolo di ministro".

Continua a leggere su Today.it

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Scelta è tra M5s e tangentopoli": Di Maio fa infuriare Salvini (che pensa al complotto)

Today è in caricamento