rotate-mobile
Martedì, 24 Maggio 2022
Ore decisive

Quirinale, Berlusconi prende tempo fino a domenica. L'ex spin doctor: "Non farti umiliare, rinuncia"

Il Cavaliere si chiude ad Arcore per tirare le somme. Intanto incontro definito "cordiale" tra i leader del Carroccio e del Movimento 5 Stelle

Niente uscite pubbliche, niente dichiarazioni. Mentre impazza il toto nomi per il Quirinale, Silvio Berlusconi annulla il vertice romano e si chiude della sua villa di Arcore per riflettere sulle prossime mosse. Entro domenica, a ridosso quindi della prima votazione per l'elezione del nuovo presidente della Repubblica, scioglierà la riserva sulla sua eventuale candidatura. Il suo "spin doctor" lo frena:" Non farti umuliare". Gli altri partiti però non restano fermi nell'attesa.

Pausa di riflessione per il Cavaliere

"Questa è una pausa di riflessione che lui ad Arcore può utilizzare per trovare un nome da indicare al posto del suo. Immagino che questo nome possa uscire prima di lunedì e che possa arrivare anche per iscritto, da remoto", dice a Rai Radio1, ospite di Un Giorno da Pecora, il deputato Vittorio Sgarbi che nei giorni scorsi si è improvvisato "centralinista" per il fondatore di Forza Italia chiamando i parlamentari indecisi.

"Silvio non farti umiliare"

A parlare senza peli sulla lingua è Luigi Crespi, che conosce bene Silvio Berlusconi, avendo curato come "spin doctor" tre sue campagne elettorali: 1999, 2000 e 2001. "Ha tutto il diritto di candidarsi dal punto di vista costituzionale, ma la politica è un'altra cosa... Tutti i leader politici che erano in campo quando lanciò Forza Italia nel '94 non ci sono più, sono spariti, è rimasto solo lui, ma non ce la farà'' a conquistare il Quirinale perchè le "cancellerie, i mercati, tutti sanno, che non puoi mettere al Colle e fare capo del Csm l'uomo più perseguito dalla giustizia...", dice chiaramente.

Per Crespi il Cav non riuscirà a coronare il suo sogno quirinalizio. I tanti processi a suo carico, a cominciare dal caso Ruby, pesano: ''Parliamo di 20 anni di guerra giudiziaria, è tutto qui. C'è un problema della magistratura nel nostro Paese? Secondo Palamara sì, e questa cosa come la risolviamo, con l'elezione di Berlusconi al posto di Mattarella? Lo mandiamo al Colle senza che tutto questo passi attraverso una presa di coscienza da parte dell'opinione pubblica?''. Impossibile, avverte all'Adnkronos Crespi, altrimenti ''scoppierebbe la guerra civile... Come può farcela uno che è stato cacciato da Palazzo Chigi, espulso dal Parlamento e sputtanato da tutti così come sono stati sputtanati tutti quelli gli stavano vicino? Lo so bene, perchè anche io ho pagato un prezzo altissimo...''. 

''Oggi Berlusconi - dice l'ex sondaggista - ha una grande occasione per fare qualcosa di storico, non la sprechi. Già essere candidabile è una grandissima vittoria, non la trasformi in una sconfitta nell'Aula e in una ennesima umiliazione. Indichi una forte personalità capace di avviare un grande ripensamento sulla giustizia italiana, affrancandola una volta per tutte dai sospetti della politica. Il compito di Silvio è ridare dignità alla magistratura che ne esce a pezzi quanto lui...". 

Crespi non ha dubbi, un nome c'è, si tratta dell'attuale Guardasigilli: ''Il presidente di Fi deve indicare la Cartabia come nome alternativo, una donna in gamba, intelligente, che in quest'anno di governo ha detto e fatto cose incredibili. Ieri, per esempio ha tenuto una relazione clamorosa sulla situazione nelle carceri, davvero coraggiosa".

Le "grandi manovre" dei partiti

Intanto c'è stato un incontro di circa un'ora tra il leader della Lega, Matteo Salvini, e il presidente del M5S Giuseppe Conte. Un colloquio definito "cordiale". Formula assai diplomatica che può dire tutto e niente. "Hanno parlato di Quirinale e di Governo, chiarendo i propri punti di vista. A proposito di Colle - fanno sapere fonti della Lega -, Salvini ha ribadito che il centrodestra è e resterà compatto in tutte le votazioni".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Quirinale, Berlusconi prende tempo fino a domenica. L'ex spin doctor: "Non farti umiliare, rinuncia"

Today è in caricamento