Martedì, 27 Luglio 2021
Politica

Elezioni politiche, quando si andrà a votare?

Con l'approvazione del Rosatellum bis, che attende soltanto il via libera del Senato, si può immaginare in quale periodo si svolgeranno le prossime elezioni

Foto di repertorio

Dopo l'approvazione del Rosatellum Bis alla Camera, manca soltanto l'ok definitivo del Senato, che dovrebbe arrivare in tempi brevi e senza troppi intoppi. Con la nuova legge elettorale approvata si potrà iniziare a pensare alle prossime elezioni. Ma quindi, quando si andrà a votare? Ovviamente ad oggi non esiste una data precisa, ma l'ipotesi più accreditata è nella primavera del 2018, quasi in concomitanza con la scadenza del Governo Gentiloni

Che cos'è il Rosatellum bis

Tolto il 'nodo' Rosatellum, il Governo deve portare a termine anche l'iter della Manovra economica, che dovrebbe ottenere il via liberoa definitivo tra la fine del 2017 e l'inizio del 2018. Se lo ius soli dovesse rimanere nel cassetto fino alla prossima legislatura, nel mese di febbraio toccherà al Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, sciogliere le Camere e dare il via alle nuove elezioni.

La possibile data

Come prevede la Costituzione, dal momento in cui il Parlamento viene sciolto il Consiglio dei ministri ha tra i 45 e i 70 giorni per fissare il giorno in cui gli italiani dovranno tornare al voto. Osservando il calendario, il periodo più probabile sembra quello che va dalla seconda metà di febbraio alla prima di marzo, ovviamente alla prima domenica utile.

Con l'archivio storico alla mano si può notare inoltre che le elezioni in Italia sono sempre state svolte tra marzo e giugno, eccezion fatta per quelle del 2013, in cui si andò ai seggi il 24 e il 25 febbraio. Va comunque ricordato che in Italia non sono previsti dalla legge dei periodi prestabiliti in cui effettuare le elezioni.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elezioni politiche, quando si andrà a votare?

Today è in caricamento