Venerdì, 22 Ottobre 2021
Senza liste

I Comuni in cui non si vota perché non ci sono candidati

In sette Comuni non si voterà per le amministrative 2021 per l'assenza di aspiranti sindaci e consiglieri: non sono state ammesse o presentate liste

Niente elezioni comunali per assenza di candidati. Nessun aspirante sindaco e nessun consigliere: è la condizione che riguarda sette Comuni italiani in cui, di fatto, sono saltate le elezioni amministrative. Come confermato dai dati del Viminale, in sette Comuni non si andrà alle urne perché non sono state presentate o ammesse liste.

Elezioni comunali 2021: dove non si vota 

Non si voterà domenica e lunedì prossimi a Mombello di Torino (Torino), Bienno (Brescia) e Chiauci (Isernia). A Mombello e a Chiauci nessuna lista è scesa in campo mentre a Bienno non è stata ammessa l'unica lista presentata. In Sardegna, dove le urne per le comunali si apriranno invece il 10 e 11 ottobre, per mancanza di aspiranti sindaci e consiglieri non si voterà in quattro Comuni: Sorgono (Nuoro), Gonnoscodina, Seneghe e Zerfaliu (Oristano)

I Comuni con una sola lista in campo

Un solo aspirante sindaco appoggiato dai una sola lista di papabili consiglieri. Sono in tutto 217 i Comuni in cui soltanto una lista si presenterà agli elettorali nella tornata delle amministrative ormai alle porte. A quanto apprende l'Adnkronos, dai dati del Viminale, risulta che sono 182 i Comuni al voto il 3 e 4 ottobre dove in campo c'è una sola lista e la stessa situazione accadrà in 35 Comuni della Sardegna dove le amministrative si terranno invece il 10 e 11 ottobre. Non si può certo parlare di battaglia sui programmi né di sfida al cardiopalma tra candidati, eppure il destino di questi enti locali non è affatto deciso. Si tratta quasi sempre di piccoli Comuni e negli enti fino a 15mila abitanti quando il candidato primo cittadino è uno solo, sostenuto da un'unica lista di aspiranti consiglieri, la battaglia è contro il quorum.

La novità: quorum al 40%

Novità di quest'anno, a causa dell'emergenza covid, il quorum in casi come questi è stato abbassato al 40%. Per l'elezione del sindaco e del consiglio comunale nei comuni fino a 15.000 abitanti dove sia stata ammessa e votata una sola lista, sono eletti tutti i candidati compresi nella lista ed il candidato a sindaco collegato, purché la lista abbia riportato un numero di voti validi non inferiore al 50% dei votanti e il numero dei votanti non sia stato inferiore al 40% degli elettori iscritti nelle liste elettorali del comune. Non solo: per la determinazione del numero degli elettori iscritti nelle liste elettorali del comune non si tiene conto degli elettori iscritti all'Anagrafe degli italiani residenti all'estero (Aire) che non esercitano il diritto di voto.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I Comuni in cui non si vota perché non ci sono candidati

Today è in caricamento