Giovedì, 6 Maggio 2021
Napoli

Brogli, schede occultate al seggio elettorale: arrivano i carabinieri, il presidente si dimette

Dieci schede timbrate sono state trovate nascoste in un cassetto a Procida, in provincia di Napoli. Le operazioni sono state bloccate per alcune ore

Foto di repertorio

Nuove elezioni, vecchi brogli. Il caso arriva da uno dei seggi di Procida, in provincia di Napoli, dove sono state rinvenute 10 schede elettorali timbrate all’interno di un cassetto dopo la chiusura delle operazioni di preparazione al voto. La vicenda è stata subito segnalata alle autorità competenti, con il presidente del seggio che è stato costretto a dare le proprie dimissioni.

Elezioni Regionali, brogli al seggio di Procida

Tutti i componenti del seggio sono stati ascoltati nella caserma dei carabinieri. Le operazioni di voto nel seggio sono iniziate con circa due ore di ritardo, ma poi sono state portate a termine regolarmente. Il caso ha fatto discutere in quanto il presidente di seggio finito sotto accusa è la sorella di Luigi Muro, uno dei due candidati a sindaco nella città.

Su Facebook è però arrivato il chiarimento: "Non si è trattato di rimozione del presidente di seggio per presunte irregolarità ma di dimissioni volontarie del presidente per garantire la serenità del voto. Non vi è stata alcuna sottrazione di schede elettorali ma una denuncia di una sostenitrice dello schieramento avverso. Parliamo di schede bianche, inutilizzabili al fine di qualsiasi eventuale irregolarità".

Continua a leggere su Today.it

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Brogli, schede occultate al seggio elettorale: arrivano i carabinieri, il presidente si dimette

Today è in caricamento