Domenica, 17 Ottobre 2021
Elezioni

Ballottaggi, il Pd di Renzi ammette la sconfitta

Giachetti telefona alla Raggi, Fassino all'Appendino: sono le conferme della sconfitta del Pd in due città chiave, Roma e Torino

ROMA - Sono le telefonate di Roberto Giachetti a Virginia Raggi e di Piero Fassino a Chiara Appendino a sancire il tonfo del Pd che perde Roma e Torino. Certo, la vittoria di Beppe Sala a Milano e di Virginio Merola a Bologna strappano un piccolo sorriso a Matteo Renzi, ma la prima lettura del responso elettorale data dal Pd è quella di una sconfitta senza se e senza ma.

LA NOTA DEL PD - "I ballottaggi segnano per i candidati del Pd una sconfitta netta senza attenuanti a Torino e Roma contro le candidate del M5S e una vittoria chiara e forte a Milano e Bologna contro i candidati delle Destre". Così in una nota ufficiale del Pd dopo l'esito dei ballottaggi.

A LIVELLO NAZIONALE - "Il quadro nazionale, invece, è molto articolato. Perdiamo alcuni Comuni dove abbiamo governato a lungo e vinciamo in altri Comuni dove da vent'anni la destra era maggioranza. La Lombardia, per esempio, vede per la prima volta tutti i Comuni capoluogo ormai a guida Pd. Vinciamo da Varese a Caserta, in zone per noi difficili. Ma resta l'amaro in bocca per alcune sconfitte molto dure, da Novara a Trieste. E' dunque evidente il dato frastagliato del voto territoriale, dato che contiene peraltro anche alcune indicazioni nazionali su cui la Direzione nazionale del Pd rifletterà il prossimo venerdì 24 giugno, a partire dalle 15. A tutte e tutti i sindaci i migliori auguri di buon lavoro da parte del Pd", conclude la nota. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ballottaggi, il Pd di Renzi ammette la sconfitta

Today è in caricamento