rotate-mobile
Mercoledì, 26 Gennaio 2022
SILVIO SHOW

"Dopo le cene con Bossi avevo bisogno del bunga bunga" : è sempre Silvio show

Che sia un comizio elettorale o un'intervista televisiva, Berlusconi non lesina battute e attacchi: a Mirano parla delle cene di Arcore; al Tg5 difende il contratto firmato con gli italiani. E attacca sulle banche

Partiamo dalla fine. Dall'intervista andata in onda sul Tg5 sabato sera. Un'intervista show, non si può definire altrimenti, quella in cui Silvio Berlusconi ha difeso tutti i suoi operati di governo. Tutti a partire dall'ormai lontano 2001. Dal famoso 'contratto' con gli italiani.

"Tutti e cinque i punti" di quel contratto, ha spiegato Berlusconi "sono stati da noi relizzati, comprese le promesse sul lavoro". Perché, secondo Berlusconi, "con la legge Biagi sono aumentati di un milione e mezzo i posti di lavoro".

E ancora: "Abbiamo aumentato a un milione di lire le pensioni minime, poi abbiamo abolito la tassa di successione e sulle donazioni e tante altre cose". Passando dal 2001 al 2008, un piccolo freno ammette che c'è stato. Ma non per colpa sua e del suo governo. "Nel 2008 nonostate noi si sia stati al governo solo per tre anni e mezzo - ha proseguito - ci eravamo impegnati su sei punti, e li abbiamo tutti realizzati". Berlusconi li ha poi letti uno ad uno, facendo seguire a ciascuno di essi un "fatto". 

"Certo - ha concluso per difendere il suo operato - se altri continuano a mentire, ad accusare senza fondamento, poi qualcuno ci crede". 

Eccoci ora al 'convegno' pomeridiano in quel di Mirano. Si parlava di 'Green Power'. A fare gli onori di casa, l'Enel. E qui Berlusconi, molto applaudito dai presenti al suo arrivo in sala, ha dato vita a un vero e proprio spettacolo che si può racchiudere tutto in una frase: "Con Bossi ho passato tutte le cene del lunedì sera", ecco perché poi avevo bisogno del bunga bunga".

Risate in sala. E dalla battuta si passa alla difesa di quei momenti "ludici": "Hanno calpestato l'immagine, la dignità e il futuro - ha poi spiegato Berlusconi - di ragazze che non hanno avuto altra colpa che accettare l'invito di una persona che poteva aiutarle nella carriera". 

Per il Cavaliere, "hanno distrutto queste ragazze con 150 mila intercettazioni. Sono andati nelle loro case - ha continuato - le hanno portate in Questura e tenute come se fossero dei delinquenti". Ora le ragazze dell'Olgettina "non hanno più un fidanzato - ha accusato Berlusconi - non possono trovare un lavoro, una casa in affitto. Sono disperate - ha concluso - resterà nella coscienza dei giudici di sinistra che pur di rovinare la vita del loro nemico non hanno badato a rovinare la vita degli altri".

E, per concludere, come suo solito Berlusconi passa dalla difesa (delle ragazze, in questo caso) all'attacco dei suoi nemici politici (il Pd): "Mi sono venuti addosso asfissiandomi di processi. Per 20 anni. Ma sono qua con le spalle larghe, resisto, mi hanno colpito su cose inesistenti e adesso per la sinistra è venuto fuori lo scandalo 'banche banche' che è peggio del 'bunga bunga'". 

Gallery

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Dopo le cene con Bossi avevo bisogno del bunga bunga" : è sempre Silvio show

Today è in caricamento