Lunedì, 20 Settembre 2021
Politica

La gioia di Veltroni: "Renzi è cattivo, ha realizzato il mio sogno"

Un partito riformista di massa: Walter Veltroni, ex segretario del Pd, riconosce a Renzi la capacità di aver realizzato un sogno anche grazie a una certa dose di "cattiveria" e "determinazione" che "io no, non ho saputo avere"

ROMA - Quel sogno ce l'aveva lui e ora si è avverato. Il desiderio dell'ex segretario Pd Walter Veltroni, un partito di centrosinistra a vocazione maggioritaria, inclusivo e non esclusivo, riformista e non "socialdemocratico", si è realizzato con l'exploit elettorale del Pd di Matteo Renzi. Ne è convinto l'ex segretario, intervistato da Aldo Cazzullo sul Corriere della Sera.

Fino a oggi era proprio Veltroni ad aver portato i dem in alto: nel 2008 il Pd raggiunse il 33%, ma quella volta vinse il centrodestra di Silvio Berlusconi. Il suo "record" ora è stato spazzato via, con il 40,8% raggiunto dall'ex sindaco di Firenze.

Il cerchio ideale si è chiuso, insomma, sei anni dopo. Veltroni riconosce a Renzi la capacità  di aver realizzato un sogno anche grazie a una certa dose di "cattiveria" e "determinazione" che "io no, non ho saputo avere". "Renzi e io veniamo da mondi diversi, ma abbiamo la stessa idea: il Pd non deve limitarsi a riempire il proprio recinto per poi unirlo al recinto dei vicini. Il Pd deve saper parlare a tutti gli italiani", afferma Veltroni, secondo cui "questo risultato storico è frutto di due circostanze oggettive: il fatto che Renzi sia al governo da poco, e abbia indicato la possibilità di un cambiamento; e la crisi di Berlusconi. Ma c'è anche una circostanza soggettiva: la personalità stessa di Matteo, la sua determinazione, la 'cattiveria' che io non ho saputo avere, cosa che mi sono sempre rimproverato come un difetto. Se il sogno si è avverato, il merito è suo. Compreso il merito di aver sfidato, da riformista, tutti i conservatorismi".

Su Beppe Grillo, Veltroni è convinto che "l'esasperazione del linguaggio" non abbia pagato, come "non ha pagato la logica dello scontro tra amico e nemico. Detto questo, è ancora sopra il 20%", rileva Veltroni. "Non ho mai creduto al parallelo con Marine Le Pen: l'elettorato dei Cinque Stelle è molto più complesso, esprime una richiesta di innovazione che in parte Renzi è riuscito a intercettare". Quanto a Berlusconi, "se con tutto quello che è successo riesce ancora a mettere insieme il 16,8%, vuol dire che ha ancora un'area di consenso", osserva Veltroni. "Cercherà di mettere in campo una nuova leadership, probabilmente quella di sua figlia Marina".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La gioia di Veltroni: "Renzi è cattivo, ha realizzato il mio sogno"

Today è in caricamento