rotate-mobile
Sabato, 21 Maggio 2022
Elezioni europee 2014

Elezioni europee, il gigante Renzi "schiaccia" i grillini

E' un tripudio "rosso": Pd oltre il 40% e Movimento cinque stelle praticamente doppiato. L'antieuropa di Grillo non paga, -5% rispetto alle politiche. Exploit Lega: 6,16%. Ok al fotofinish Tsipras e Alfano

ROMA - Lui, Beppe Grillo, lo aveva sfidato - quasi provocato - evocando il nome di Berlinguer. L'altro, Matteo Renzi, lo ha annientato, distrutto, superando anche quel Berlinguer che aveva fissato le colonne d'Ercole della sinistra italiana. E' il presidente del consiglio italiano l'unico vero vincitore delle elezioni europee. Il segretario Pd è riuscito in un solo colpo in un miracolo mai visto in quel del Nazareno. Ha vinto, stravinto, la battaglia interna contro Grillo, con il Movimento cinque stelle che è stato addirittura doppiato. Ha rafforzato la propria posizione alla guida dell'Italia. E ha regalato un momento storico al suo partito che ha superato il record di voti del 34,4%, stabilito dal Pci nel '76. 

voto renzi-2

I numeri lasciano poco spazio ai dubbi. Il Pd incassa il 40,81%, staccando di un abisso il M5s di Beppe Grillo che si ferma al 21,16%. Crolla anche Forza Italia, con il 16,82% dei consensi. Bene la Lega Nord del neo segretario Matteo Salvini che strappa un super 6,16%. Superano la soglia anche il mini asse Ncd-Udc con il 4,38% e la Lista Tsipras, con il 4,03% al fotofinish. Fratelli d'Italia si ferma al 3,66%.

Se Renzi è il grande vincitore, è chiaro come Beppe Grillo sia il grande sconfitto. La politica antieuropeista e aggressiva, che pure ha funzionato in gran parte del vecchio Continente, in Italia non ha pagato. Il capo del Movimento aveva sfidato il rivale a viso aperto e ha perso. Il "leader massimo" ha ringraziato i cinque milioni che lo hanno votato e si è "autopugnalato" al cuore. Ma con lui, evidentemente, ha perso tutto il partito che cala di cinque punti percentuali rispetto alle scorse politiche che segnarono la nascita del miracolo grillino.

voto m5s-2

Se il comico genovese piange, Berlusconi non può ridere. Il suo Forza Italia si è fermato a poco più del 16%, quattro punti sotto le aspettative dell'ex Cav. Quei quattro punti - percentuale più, percentuale meno - che ha racimolato la mini alleanza Alfano-Casini. Riunendo i cocci di quello che fu il centrodestra berlusconiano sembra che poco o nulla sia cambiato: Fi si conferma terzo partito italiano e avrà qualche moneta da spendere in Parlamento. 

Vince, anche questo è evidente, chi ha avuto il coraggio di cambiare. Con il presidente del consiglio, trionfa infatti Matteo Salvini. Il neo segretario della Lega porta a casa un ottimo 6,16% e guarda con curiosità e voglia alla Francia del ciclone Le Pen. Renzi saprà sconfiggere anche lei?  

ELEZIONI EUROPEE 2014: I RISULTATI

Tutti i paesi al voto

Austria
Belgio
Bulgaria
Cipro
Croazia
Danimarca
Estonia
Finlandia
Francia
Germania
Grecia
Irlanda
Lettonia
Lituania
Lussemburgo
Malta
Paesi Bassi
Polonia
Portogallo
Regno Unito
Repubblica Ceca
Romania
Slovacchia
Slovenia
Spagna
Svezia
Ungheria

risultati-3

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elezioni europee, il gigante Renzi "schiaccia" i grillini

Today è in caricamento