rotate-mobile
Lunedì, 24 Gennaio 2022
VERSO LE ELEZIONI

Giannino: "Dietro la candidatura di Monti c'è la Fiat"

Il leader di 'Fare per Fermare il declino' attacca: "Il Professore si è affidato al presidente Ferrari" e ha esordito in campagna elettorale "a Bergamo, dalla Brembo, grandissimo fornitore" della casa automobilistica

Dietro Monti c'è un'orma. "Una pesante orma" per usare le parole di Oscar Giannino, leader di Fare - Per fermare il declino. E' "la pesante orma del problema Fiat". Un problema irrisolto che ha portato Monti "a candidarsi in quel modo, di affidarsi al presidente della Ferrari, di fare una manifestazione a Bergamo dalla Brembo che e' un grandissimo fornitore Fiat".

Il "modo" di cui parla Giannino è un chiaro riferimento a quel giorno di fine dicembre quando il premier uscente si recò in quel di Melfi, a 'Casa Marchionne'. Erano i giorni della 'transizione' da professore a politico.

MONTI A MELFI. "Conosco troppo bene le vicende italiane per non vedere l'orma di un enorme conflitto di interesse'' continua Oscar Giannino, ospite di Rtl 102,5: ''L'orma FIAT-Marchionne-Obama credo sia molto forte e ne sono preoccupato. Credete davvero che il Presidente del Consiglio sia andato a Menfi a dire 'Da qui riparte la FIAT nuova' e solo dieci giorni dopo abbiamo appreso che ci sono due anni di cassa integrazione?".

Una domanda retorica, quella di Giannino, alla quale risponde lapidario: "Due anni di cassa integrazione per uno stabilimento così non si chiedono e ottengono in sei ore. Lo sapeva perfettamente''.

CANDIDATURA. Monti "mi ha chiamato e mi ha detto che alcuni non mi volevano: Montezemolo. Ho avuto l'impressione, e l'ho anche detto al presidente del Consiglio quando l'ho incontrato, che chi vuole la concorrenza sui treni non la vuole nella concorrenza politica e ho anche aggiunto che chi è a busta paga di Montezemolo e sceglie candidati ha conflitto d'interessi".

Ad esempio - spiega - "in Liguria è capolista un titolare fondatore della prima emittente televisiva in Liguria. C'e' solo per Berlusconi il conflitto d'interessi? E poi dopo che lo si combatte per tanti anni si scelgono lo stesso tipo di candidati? Monti mi ha detto che per questo avrebbero adottato un criterio strettissimo. Ora invito tutti a vedere quale è questo criterio: nessun criterio".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giannino: "Dietro la candidatura di Monti c'è la Fiat"

Today è in caricamento