rotate-mobile
Giovedì, 20 Gennaio 2022
Politica / Firenze

Firenze si ribella alla "ronda padana" di Borghezio

L'europarlamentare leghista ha effettuato la "passeggiata della legalità" nel centro del capoluogo toscano scortato dagli agenti della polizia. Ecco le immagini di quanto accaduto

Mario Borghezio ieri sera è sbarcato a Firenze e ha fatto rumore. Non tanto per la visita in sé, ma per gli effetti collaterali. Si perché l'eurodeputato leghista, in Toscana per varie iniziative elettorali, si era messo in testa di promuovere nel capoluogo toscano una vera e propria 'ronda verde' in risposta ad alcuni fatti di cronaca letti sui giornali e capitati nel centro storico cittadino. Insomma aveva intenzione di rispolverare un vecchio ritornello che già in passato aveva fatto scalpore: il giro di ispezione dei drappelli verdi contro la criminalità straniera. E c'era anche un luogo predisposto al controllo leghista, piazza del Mercato Centrale.

Questo era il piano, poi gli eventi sono precipitati e la manifestazione ha perso qualche passaggio riducendosi all'osso. Ma andiamo per ordine. Alle 21:30 in piazza del Mercato Centrale più che bandiere padane c'era una gran mobilitazione di forze dell'odine: camionette e uomini in divisa. E contestatori. Tanto che la polizia ha subito deciso di dirottare l'iniziativa, per motivi di sicurezza, in piazza della Repubblica. Ma il trasloco geografico non ha dato i risultati sperati. La protesta alla trovata di Borghezio infatti non si è affievolita ma anzi è aumentata. E allora le forze dell'odine hanno nuovamente spostato la location di un centinaio di metri, in piazza Strozzi. Un altro slargo ma più incline al controllo.

BORGHEZIO CONTESTATO A FIRENZE: IL VIDEO

Cordone degli uomini della polizia in assetto antisommossa, l'ingresso del camper della Lega. "Ci hanno chiesto di non muoverci di qua, perché la piazza è circondata", ha affermato subito l'europarlamentare accompagnato da una decina di 'camice verdi'. "Noi riteniamo - ha continuato - che nel centro storico di Firenze ci siano gravi problemi. Il fatto stesso che questa passeggiata di legalità sia blindata dalle forse dell'ordine ovviamente lo dimostra". E mentre Borghezio si rivolgeva ai pochi accorsi, dall'altra parte del cordone di sicurezza si alzavano i cori della protesta: "Via i fascisti da Firenze", il più gettonato.

Continua a leggere su Firenze Today...

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Firenze si ribella alla "ronda padana" di Borghezio

Today è in caricamento