rotate-mobile
Domenica, 16 Gennaio 2022
Politiche 2013 Italia

Il Pdl spinge per il 'governissimo' e attacca: "Pd accecato d'odio verso di noi"

Verso il nuovo governo: la situazione nel Popolo della Libertà

Nel giorno della marcia sul palazzo di giustizia di Milano in difesa di Silvio Berlusconi – ricoverato al San Raffaele da venerdì scorso per una brutta congiuntivite, con tanto di visita fiscale per accertare la richiesta del legittimo impedimento avanzato dalla difesa – il Pdl ha trovato il tempo, tra un inno di Mameli cantato maluccio (ma come si dice in questi casi, basta il pensiero) e i vari attestati di solidarietà al Cavaliere per l’ardire dei pm, di fare politica. Così Angelino Alfano è tornato a dare del cieco a Bersani che si ostina a non vedere l’alt di Beppe Grillo. Dopo “l’ennesimo rifiuto di Grillo” il Pd “deve dire con chiarezza se vuole portare il Paese verso un voto difficile, in un momento così delicato per l’Italia”.

Davvero strano il balletto alla responsabilità che si sta profilando in queste ore. Ricapitolando: Bersani chiama alla responsabilità se non Grillo i grillini. Alfano si appella sempre alla responsabilità ma cambia sponda, invocandola dal Partito democratico. Di mezzo un governo di minoranza, un ‘governissimo’ di scopo – meglio se tecnico – o il voto subito. “Se il Pd vuole andare al voto anche per una impuntatura contro di noi – ha continuato il segretario del Pdl – questo atto scellerato rimarrà indelebile nelle biografia politica di quel partito”. “Noi ribadiamo – ha aggiunto – la nostra convinzione che l’Italia abbia bisogno di un governo e di governabilità, ma se il Pd vuole andare allo sfascio per una impuntatura tendente solo a difendere i propri interessi, allora noi siamo per la soluzione del voto”.

Parole che nella serata di ieri ha ribadito a Quinta colonna su Rete4: “L’impressione è che il Pd è talmente accecato dall’odio verso di noi che è pronto a portare il paese in un vicolo cieco e a sbattere. Non ascoltano il nostro appello alla responsabilità: non hanno al primo punto l’interesse dell’Italia ma gli interessi di partito”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Pdl spinge per il 'governissimo' e attacca: "Pd accecato d'odio verso di noi"

Today è in caricamento